Speciali

Smartphone: la parola ai consumatori

10 marzo 2011
smartphone

10 marzo 2011

In pochi oggi sembrano resistere al fascino tecnologico degli smartphone e alle loro tante funzioni racchiuse in un unico dispositivo tascabile. Ma cosa ne pensano gli utenti che li hanno acquistati? Quali funzioni realmente usano? E quali sono i modelli che più li soddisfano? Lo abbiamo chiesto a più di 4mila utenti.

Alla scoperta degli smartphone

Anche in tempi di crisi i consumatori sembrano non riuscire a fare a meno di acquistare dispositivi tecnologici: tra tutti, sono i cellulari ad andare per la maggiore. Ma se le vendite di telefoni sono aumentate tra il 2009 e il 2010 del 32%, c’è una categoria di cellulari che in questo stesso periodo ha fatto registrare un incremento addirittura del 72%: gli smartphone.

Più di 4.000 risposte
Si tratta di telefonini molto avanzati, piccoli computer dotati di sistemi operativi, utilizzabili come agende elettroniche o navigatori satellitari e con i quali si può accedere a internet, mandare e ricevere email, giocare e scaricare app. Ma, tra tutte queste funzioni, quali sono quelle più utilizzate? E quali sono le marche e i modelli che la gente apprezza di più?
Lo abbiamo chiesto a più di 4.000 consumatori tra Italia, Spagna, Portogallo, Belgio e anche Brasile. Solo in Italia ci hanno detto la loro opinione quasi 2.500 soci di Hi_Test.

Tante funzioni poco sfruttate
La prima cosa che emerge dalla nostra indagine è che gli utenti acquistano dispositivi pieni di funzioni ma alla fine ne usano ben poche. Ad esempio, quasi il 68% degli italiani non utilizza mai il proprio smartphone per navigare nei social network; inoltre solo l’8% scarica app con regolarità e meno del 12% ha messo nel cassetto il proprio navigatore Gps per sostituirlo con lo smartphone.

 

Questo accade soprattutto con modelli di smartphone di fascia bassa, acquistati dagli utenti per sostituire di fatto i vecchi modelli base. Ci sono invece abitudini di uso differenti tra gli utenti decidono di investire in smartphone di alta gamma. Ad esempio, gli utenti iPhone che usano Social Network sono il 30%, le app sono scaricate con regolarità dal 47% e la funzione gps è utilizzata spesso dal 43%; in questo campione, la navigazione internet e l'email hanno addirittura superato l’utilizzo con gli sms. 

L’iPhone la fa da padrone
Ma quali sono gli smartphone più diffusi e i modello più apprezzati? Circa la metà degli smartphone del nostro campione è un dispositivo Nokia o un iPhone. In Italia, poi, più di un terzo dei modelli in circolazione è del costruttore finlandese. Il resto del mercato se lo dividono Blackberry, Htc e Samsung. Come si vede grafico tra le risorse, nei primi tre posti della classifica di soddisfazione per modello troviamo due iPhone (GS e 4) e l’Htc Desire).
Di questi modelli gli intervistati apprezzano soprattutto la facilità d’uso, la reattività dello schermo touchscreen e l’enorme disponibilità (e qualità) di app da scaricare (questi tre modelli, infatti, pescano dall’AppStore o dall’Android Market). Punto debole di molti modelli (compresi i primi tre) resta l’autonomia della batteria: il migliore sotto questo punto di vista (il Nokia E72) è giudicato davvero soddisfacente da poco più di un intervistato su due.

Problemi tecnici anche in casa Apple
In generale i maggiori problemi con questi apparecchi si rilevano durante l’utilizzo di internet (e di tutte le attività che richiedono un collegamento al web) e durante la normali chiamate voce. Da notare che, nonostante l’iPhone sia tra i modelli più soddisfacenti non è certo tra i migliori in fatto di problemi tecnici (soprattutto durante le chiamate) a differenza invece dell’Htc Desire i cui utenti non hanno segnalato alcun problema durante le chiamate negli ultimi 12 mesi.

Dipende dal sistema operativo
Fondamentali per questo tipo di dispositivi sono i loro sistemi operativi. iOS (soprattutto la più recente versione 4) e Android (presente quasi su uno smartphone su 5) sono i sistemi operativi più diffusi e (come si vede dal grafico) anche i più apprezzati dagli intervistati. Sono anche i sistemi operativi che hanno la maggiore quantità e qualità delle applicazioni disponibili nei rispettivi negozi virtuali rispetto a sistemi operativi che in certi casi (come ad esempio le vecchie versioni di Symbian e di Windows Mobile) non hanno neppure un punto di riferimento centralizzato dove poter trovare applicazioni e software da scaricare.

 

App sì, ma gratis
Quasi 3 italiani intervistati su 4 scaricano app; il 40% ne ha scaricate meno di una decina, ma c’è un 3% che ne ha già scaricate più di 100. In ogni caso gli italiani (ma non solo loro) preferiscono optare per applicazioni gratuite : circa l’80% infatti delle app scaricate non erano a pagamento.


Stampa Invia