Recensioni

Huawei P20 e P20 Plus, gli smartphone che sfidano Apple e Samsung

I nuovi smartphone Huawei tentano di mettere in ombra Galaxy S9+ e iPhone X. Merito di fotocamere dalle caratteristiche tecniche molto alte, costruite grazie alla collaborazione con Leica, e di funzionalità integrate come assistente Google e intelligenza artificiale. Riusciranno a convincere i più scettici?

11 aprile 2018
Huawei P20 e P20 Pro

Dopo aver chiuso il 2017 con 153 milioni di smartphone venduti in tutto il mondo, ora Huawei mira a consolidare il suo ruolo di competitor di Apple e Samsung anche nel segmento di fascia alta. Lo scorso anno, secondo le classifiche diffuse da Amazon ed eBay, Huawei è stato il marchio più venduto online in Italia, superando addirittura il leader di mercato Samsung. Con gli ultimi P20 e P20 Pro, il colosso cinese scopre le sue carte e mira a consolidare il suo ruolo, diventando il primo produttore mondiale di smartphone.

Guerra aperta con Galaxy S9+ e iPhone X  

Presentati a Parigi a fine marzo, i nuovi smartphone Huawei si pongono come diretti concorrenti di Samsung S9+ e Apple iPhone X. A differenza del modello precedente (P10 Plus), il modello più grande ora viene chiamato "Pro": stando a quanto dichiarato dal produttore, il motivo sta nel fatto di aver utilizzato la tecnologia del segmento delle fotocamere professionali. Ed è proprio questo uno degli aspetti su cui Huawei punta per distinguersi dagli altri brand. Sulla versione Pro le fotocamere sono in totale quattro: tre posteriori, alle quali ne viene aggiunta una quarta frontale dedicata ai selfie. Nel P20, invece, le fotocamere posteriori sono due. La qualità delle fotocamere è sicuramente il vero fiore all'occhiello di questi smartphone: 40 Megapixel per quella principale (solo sul P20 Pro), 20 Megapixel per quella in bianco e nero e 8 Megapixel per il teleobiettivo. L'apertura dei rispettivi obiettivi è f1,8; f1.6 e f2.5. La fotocamera selfie, invece, può contare su 24 Megapixel con f2.0. Buone anche le caratteristiche dello zoom: 3x per quello ottico, 5x l'ibrido e 10x il digitale. Tutti gli obiettivi sono realizzati, ancora una volta, in collaborazione con Leica, il famoso produttore di lenti e fotocamere.

Immagini perfette anche con luminosità scarsa 

Huawei è certa di aver costruito la miglior fotocamera per smartphone, specie in condizioni di scarsa illuminazione e in particolare per i ritratti. In che modo? Ogni pixel è leggermente più grande e il sensore è anche più grande di quello che normalmente troviamo in uno smartphone: 1 / 2,3" (sul P20) e 1 / 1,7" (sul P20 Pro). L'impostazione ISO (che indica la sensibilità alla luce) può arrivare fino a 102400, che è pari a quella che offre una fotocamera reflex professionale al giorno d'oggi. Secondo Huawei, la fotocamera si comporta così bene in condizioni di scarsa luminosità che la foto mostrerà dettagli impercettibili anche per l'occhio umano. Staremo a vedere come si comporterà durante i nostri test di laboratorio. I soggetti in movimento sono ora anche più facili da riprendere grazie alla messa a fuoco predittiva 4D, una specie di autofocus intelligente. Ultimo, ma non meno importante, i nuovi Huawei sono dotati del sistema AIS (Artificial Intelligence Stabilization) che promette scatti notturni con lunga esposizione.

Le altre caratteristiche degli smartphone

  • Schermo luminoso senza bordi con risoluzione 2K. LED per P20 e AMOLED per P20 Pro
  • La piccola zona nera sul lato superiore dello schermo è più piccola rispetto all'iPhone X
  • Batteria da 3400 mAh (P20) e 4000 mAh (P20 Pro)
  • Intelligenza artificiale e Assistente Google. È sufficiente chiedere al telefono cosa vuoi che faccia dicendo "Ok Google", come fanno i nuovi altoparlanti intelligenti. Il telefono è in grado di riconoscere l'oggetto in quadrato tramite fotocamera e consente di acquistarlo subito su Amazon. La fotocamera, inoltre, riconosce il soggetto e l'ambiente e adatta le impostazioni della fotocamera di conseguenza
  • Realtà aumentata (contenuto virtuale nel mondo reale)
  • Il telefono può essere sbloccato con riconoscimento facciale anche al buio
  • Ultimo aggiornamento di Android incluso: 8.1 Oreo
  • Ricarica della batteria super veloce
  • L'indice per resistenza all'acqua e alla polvere è l'IP67 (P20 Pro) 
  • Cancellazione attiva del rumore per cuffie e standard audio più elevati per Bluetooth (AptX, HWA). Contiene anche l'audio Dolby Atmos come quello già visto sul Galaxy S9, anche se onestamente non vediamo grossi vantaggi nell'avere questa funzionalità audio su uno smartphone
  • Sparisce il jack per le cuffie, a nostro parere un peccato.

Prezzi e disponibilità

Entrambi i modelli sono già disponibili nei negozi, rispettivamente a un prezzo di 679 euro (P20) e a 899 euro (P20 Pro), con 128 GB di memoria e tre varianti di colore. Il P20 Lite, invece, può essere acquistato a un prezzo di 369 euro. Ora non rimane che aspettare di sapere come si sono comportati nelle prove a cui li abbiamo sottoposti in laboratorio: i risultati saranno disponibili a breve. Nel frattempo, puoi dare un'occhiata al nostro ultimo test per scoprire quali sono i migliori smartphone in circolazione


Stampa Invia