Prime impressioni

Yotaphone e Blackphone: smartphone alternativi

18 marzo 2015
yotaphone e blackphone

18 marzo 2015

Gli smartphone sembrano un po’ tutti uguali. Yotaphone e Blackphone sono due smartphone con qualcosa di veramente nuovo. Li abbiamo testati e se cerchi qualcosa di diverso potrebbero fare al caso tu. Ma occhio al prezzo.

Lo Yotaphone 2 e il Blackphone sono due smartphone che offrono qualcosa di nuovo nel panorama abbastanza piatto dei telefonini. Il primo potrebbe essere una buona soluzione per chi cerca un dispositivo davvero in grado di risparmiare batteria, mentre il secondo potrebbe fare al caso di chi ha particolari necessità di secretare i propri documenti e salvaguardare la propria privacy. Se invece non stai cercando nulla di così rivoluzionario, puoi metter a confronto i migliori modelli in commercio e scoprire quale si è comportato meglio nei test di laboratorio.


Confronta gli smartphone


Yotaphone 2: metà smartphone e metà ereader

A vederlo di fronte lo Yotaphone 2 sembra un normalissimo smartphone Android. Non il migliore in circolazione, ma comunque un buon prodotto: rispetto ai top di gamma è la qualità della fotocamera, solo media, a farlo restare un po’ indietro, ma per il resto è okay. Il suo asso nella manica, però, si trova sul retro, dove campeggia un secondo schermo, costruito con la stessa tecnologia usata per gli ereader. Se considerato come un puro ereader non reggerebbe il confronto con un Kindle, anche se otterrebbe un punteggio sufficiente. È soprattutto la combinazione dei due apparecchi in uno a essere interessante e ben realizzata. Gli schermi ereader, infatti, hanno caratteristiche diverse rispetto a quelli degli smartphone: sono in bianco e nero e meno “rapidi”, ma in compenso si leggono molto bene alla luce del sole e consumano molta meno batteria. Yotaphone 2 sfrutta bene questa combinazione. In due modi: il primo è che lo schermo posteriore è configurabile in modo che alcune informazioni appaiano direttamente su di esso: l’ora, i messaggi ricevuti, gli appuntamenti imminenti, le previsioni meteo e altro ancora, tutto leggibile senza nemmeno dover accendere lo schermo anteriore.

La funzione specchio

L’altro aspetto interessante è la funzione “specchio”, che trasferisce sullo schermo posteriore qualunque tipo di contenuto visualizzato su quello anteriore. Il senso di questa funzione è che per molti scopi usare lo schermo principale è più rapido: per esempio, per navigare verso una determinata pagina web è meglio usare lo schermo classico; ma una volta visualizzata, la si può trasferire sul retro e leggerla con comodo, risparmiando la batteria. Un difetto dovuto al doppio schermo è che risulta un po’ scivoloso e non è possibile proteggerlo con una cover, anche se dalle nostre prove risulta comunque un apparecchio solido. Il suo difetto principale resta il prezzo: dai 664 agli 825 euro. Decisamente elevato.

Blackphone: difendere la privacy

Sperando di capitalizzare l’attenzione che il grande pubblico dedica al tema delle intercettazioni telefoniche, un’azienda svizzera ha lanciato il Blackphone, uno smartphone che incita a “riprendere il controllo della propria privacy”. Tutto punta a dare l’impressione della segretezza, a partire dal nome del sistema operativo, Private OS (una derivazione di Android priva di accesso al Play Store) e dalle app per la comunicazione crittografata: Silent Phone, Silent Text, Silent Contacts. Il reale funzionamento del telefono però ci fa sorgere più di una perplessità. Per esempio, le telefonate tra un Blackphone e un telefono normale restano intercettabili e nella mail non vengono impostati per default i classici protocolli di protezione come SSL. Va detto, inoltre, che le “Silent app” possono anche essere installate su un normale smartphone Android. Sicurezza a parte, la qualità del telefono è tutt’altro che esaltante, in particolare risultano deludenti la prestazione della batteria e la qualità della fotocamera e questo ci porta al nostro giudizio complessivo: per gli utenti comuni è un apparecchio privo di interesse. Si può acquistare solo sul sito al prezzo di 629 dollari.


Stampa Invia