News

Browser e webmail: davvero poco sicuri

24 settembre 2012
browser e webmail

24 settembre 2012

Nessuno dei browser e dei servizi di webmail gratuiti più diffusi garantisce una sicurezza sufficiente contro messaggi e siti web pericolosi. Per stare sicuri non si può fare a meno di installare anche un antivirus.

Con questo  test sulla sicurezza di browser e webmail, non abbiamo voluto esprimere un giudizio sulla qualità generale di questi servizi, ma vedere quanto è sicuro navigare e usare la posta elettronica senza dover installare anche un antivirus, e valutare quanto browser e webmail fanno attenzione alla privacy in particolar modo nelle loro impostazioni predefinite. I risultati di queste prove non sono per nulla rassicuranti: se escludiamo Gmail, che si salva per il rotto della cuffia solo per la bontà delle impostazioni di default, il panorama in termini di sicurezza è sconfortante. Preoccupano in particolar modo le pessime prestazioni nelle prove di sicurezza della navigazione (per i browser) e di invio e ricezione di email pericolose (per le webmail), prove svolte visitando un migliaio di siti pericolosi e inviando per posta elettronica un centinaio di malwere diversi.

Navigare sicuri: qualche consiglio
Il consiglio principale è quindi quello di installare anche un pacchetto antivirus e tenerlo sempre aggiornato (le nostre prove dimostrano che la situazione sicurezza migliora). In secondo luogo personalizza, per quanto è possibile, le impostazioni del browser in base alle tue esigenze di privacy e sicurezza. Se devi scaricare un programma, poi, fallo solo da siti attendibili (ancor meglio se direttamente dal sito del produttore). Più in generale visita solo siti selezionati, stando alla larga da quelli i cui gestori sono poco affidabili (siti per adulti, gioco d’azzardo...); per farlo puoi impostare sui motori di ricerca filtri come SafeSearch (filtraggio di contenuti discutibili). Controlla, infine, la presenza di connessioni sicure (https) e digita direttamente l’indirizzo web, se lo conosci, nel campo della url (specie per servizi come posta, banca…): non fidarti di eventuali link simili risultanti dai motori di ricerca.

Browser e webmail del test:

  • Chrome
  • Explorer
  • Firefox
  • Gmail
  • Hotmail
  • Katamail
  • Libero
  • Safari
  • Yahoo!

Stampa Invia