News

iPad Mini, Galaxy Tab 2, Nexus 7 e Kindle Fire a confronto

26 marzo 2013

26 marzo 2013

Le tavolette da 7 pollici sono il gadget del momento. A confronto i quattro modelli più venduti sul mercato.  

Se sei alla ricerca di un tablet, ma fai fatica a districarti tra i numerosi modelli che ormai affollano gli scaffali dei negozi di elettronica, puoi consultare il nostro test che ti permette anche di mettere a confronto due o più dispositivi per vederne le caratteristiche e scoprire come si sono comportati nelle nostre prove. Troverai tablet sia da 10 sia da 7 pollici: ma se sei interessato solo a questi ultimi abbiamo deciso di darti una mano nella scelta, mettendo a confronto e osservando da vicino i quattro modelli “mini” che in questo momento vanno per la maggiore. 

In principio era l’iPad 
Poi venne il Samsung Galaxy Tab, un tablet più compatto, con una diagonale di schermo di soli 7 pollici, contro i quasi 10 dell’iPad. Ma, nonostante i vaticini di Steve Jobs (il patron di Apple disse che “i tablet da 7 pollici sono morti sul nascere”), dal 2010 a oggi le tavolette in formato mini sono proliferate, al punto che anche Apple nel 2012 ha commercializzato il suo primo tablet in formato ridotto. A essere precisi l’iPad Mini ha uno schermo un po’ più grande degli altri, ma è certamente nato per fare concorrenza a tutte le altre tavolette da 7” sul mercato. 

I magnifici quattro 
Ci è sembrato quindi importante mettere a confronto, in un test comparativo ad hoc, i principali mini tablet da 7” in circolazione. Ne abbiamo scelti quattro che in questo momento vanno per la maggiore: iPad Mini, Samsung Galaxy Tab 2, Google Nexus 7 e Kindle Fire HD. Alcuni di questi hanno varie versioni (con più o meno memoria e la eventuale presenza del 3G) con prezzi diversi; noi abbiamo messo a confronto l’unica configurazione confrontabile, ovvero sono tutti solo wifi da 16GB. Risultato? Sono tutti ottimi prodotti, anche se ognuno con caratteristiche differenti che rendono alcuni preferibili per guardare film, altri per navigare in internet o per leggere libri.

Stampa Invia