News

Tv a schermo curvo: solo un costoso gadget

05 dicembre 2013
tv schermo curvo

05 dicembre 2013

Abbiamo mandato in laboratorio il primo televisore (Samsung) a schermo curvo: eccellente la qualità della tecnologia oled, ma l’utilità della curvatura dello schermo non ci convince. Visto il costo enorme rimane un gadget per (ricchi) appassionati.

Il Samsung KE55S9 è un televisore oled da 55 pollici che presenta uno schermo leggermente concavo. Nelle intenzioni del produttore questa innovativa caratteristica dovrebbe permettere a uno spettatore posto di fronte alla tv, a una certa distanza, di avere l’intera superficie dello schermo sempre perpendicolare al suo sguardo (ciò che non avviene con i normali schermi piatti).

Contrasti perfetti

L’idea è certamente interessante e la visione panoramica dello spettatore è davvero una bella esperienza. La qualità delle immagini di questo televisore è infatti elevata, così come il contrasto, migliore di qualsiasi tv lcd e perfino degli schermi al plasma: zone chiare, zone scure, dettagli a contrasto elevato possono finalmente coesistere senza compromessi (nei plasma si deve ad esempio pagare lo scotto di una scarsa brillantezza dei toni troppo chiari). Il contrasto rimane molto elevato anche quando si guarda il televisore di lato, con una diminuzione della luminosità contenuta e compensata dal fatto che le zone scure dello schermo rimangono tali da qualsiasi angolo le si osservi.

Schermo curvo: non convince

Ma qui si fermano le note positive. Innanzitutto va detto che questo effetto e la piacevole esperienza di visione dovuta allo schermo curvo si può sperimentare solo sedendosi di fronte alla Tv, a una distanza pari al raggio di curvatura dello schermo: qualsiasi vantaggio in termini di omogeneità di visione delle immagini, quindi, è fruibile da un solo spettatore seduto in uno specifico punto.

Inoltre, proprio per via della curvatura dello schermo, l’intero guscio del televisore è incurvato e non può essere, quindi, appeso ad una parete. Per questa ragione, il televisore risulta ben più profondo rispetto al suo reale spessore, arrivando a misurare una profondità di ben 40 cm.

Infine, un altro difetto dovuto allo schermo curvo, riguarda i riflessi che si spostano in maniera evidente anche solo muovendo leggermente la testa: per rendere l’idea, è ciò che accade osservando i riflessi attraverso un bicchiere o una bottiglia, ma con effetti molto più rilevanti considerate le dimensioni dello schermo.

Un televisore di fascia alta

Lo schermo ci ha certamente colpito positivamente e dimostra come la tecnologia OLED sia, per molti versi, superiore a quella degli schermi lcd. L’unica sorpresa è venuta sul fronte dei consumi, superiori a quelli di un televisore lcd con schermo di dimensione analoga.

Per quanto riguarda invece le altre funzionalità, questo televisore non è molto diverso dai modelli di Samsung della serie 7000 e 8000. Come altri televisori recenti di fascia alta, è fornito di due telecomandi: uno completo, con tutte le funzioni, e uno più piccolo con meno tasti ma che include anche un touchpad per muoversi più velocemente fra i menu. Il televisore possiede due sintonizzatori per cui è possibile, ad esempio, registrare un programma su una memoria connessa a una delle sue porte usb mentre se ne sta guardando un altro.

Il prezzo: per pochissimi

Infine, un elemento che non si può trascurare: il prezzo. Anche se al momento non si conosce la data esatta in cui sarà messo sul mercato italiano, il prezzo annunciato da Samsung lascia davvero senza parole: 7.999 euro.

È evidente che si tratta di un prezzo per un numero davvero ristretto di tasche. Sul mercato ci sono televisori dalla qualità eccellente a prezzi decisamente più alla portata di tutti. Se stai cercando un televisore e vuoi conoscerne le caratteristiche, vedere come sono uscito dalle nostre prove e scoprire dove è venduto al prezzo più basso, puoi consultare il nostro test.



Confronta i modelli


Stampa Invia