News

TV curve: belle da vedere, ma non da guardare

28 ottobre 2015
tv curva

28 ottobre 2015

È l’ultima novità sul mercato delle televisioni: stiamo parlando delle tv curve. Si fanno notare per il design accattivante e originale, ma non migliorano la visione come promesso. A discapito dei costi: si parte da 800 euro.

Le aziende produttrici di tv sono da anni in forte concorrenza tra loro e cercano di contendersi un mercato ormai saturo. Basta guardare il nostro test sui televisori per vedere quanti siano i televisori dalle ottime prestazioni ma dal prezzo ormai alla portata di molte famiglie. Ma in questo mercato così competitivo, come fanno i produttori ad assicurarsi nuovi margini di guadagno (in alcuni casi anche molto alti)? Puntando sull’offerta di tecnologia sempre nuova come pretesto per aumentare i prezzi. Uno dei cavalli di battaglia dell'ultimo anno è sicuramente lo schermo curvo. Ma davvero questa tencologia è quella che ci ritroveremo tutti in casa fra qualche anno? E davvero gli schermi curvi offrono una qualità e una piacevolezza nella visione da non poterne fare a meno? Non proprio: ecco perché. 

Come al cinema? Proprio no

L’idea di guardare uno schermo avvolgente è certamente suggestiva e la visione panoramica dello spettatore è davvero una bella esperienza. L’ispirazione è quella dei grandi schermi cinematografici, dove le immagini riempiono il nostro campo visivo. Purtroppo però, la tv di casa è comunque molto più piccola: resteremmo quindi ben lontani dai livelli di coinvolgimento che ci regala il grande schermo. Per simulare la stessa esperienza dovremmo avere in casa uno schermo molto più grande ma anche posizionarci a una distanza tra 1,5 e i 2 metri. Una posizione di certo non delle più comode.

Occhio al campo di visione e ai riflessi

Il vero e proprio tallone di Achille di queste tv è che il campo di visione ottimale è limitato. Chi si siede perfettamente al centro, di fronte allo schermo, avrà un angolo di visione migliore rispetto a chi si siederà leggermente decentrato. Un problema che le tv piatte non hanno di certo. Anche i fastidiosi riflessi di luce sullo schermo, che sembrerebbero essere molto attenuati dalle tv curve, in realtà dipendono molto dal punto di visione e dalla posizione delle fonti di luce e in più, le immagini riflesse sullo schermo sono distorte dalla curva per cui spostando la testa, anche di poco, i riflessi sembreranno muoversi sullo schermo. Occorre poi valutare bene l’idea di appendere alla parete una tv curva perché è sì possibile, ma l’effetto di arredo è un diverso rispetto alle tv piatte.

In conclusione

Gli unici punti a favore dunque restano il design originale così come il fatto che lo schermo curvo può apparire più grande di uno schermo piatto di pari dimensioni. Per il resto, però, possiamo dire che non ha molto senso l’acquisto di una tv curva, soprattutto considerando il costo elevato (si parte dagli 800 euro fino a superare i 5.000). 

Sul mercato esistono alternative sicuramente più economiche e dalle prestazioni indubbiamente molto buone. Grazie al nostro migliore acquisto puoi risparmiare fino a 545 euro.


Scopri qual è il televisore migliore


Stampa Invia