News

Tv RaiDue e Rete 4: solo in digitale nel Lazio

17 giugno 2009

17 giugno 2009

Momento importante nel passaggio alla tv digitale: dal 16 giugno i cittadini del Lazio possono vedere RaiDue e Rete 4 solo in digitale. In pratica, devono avere un decoder. Il passaggio avviene in modo indolore? I cittadini sono adeguatamente informati?

Momento importante nel passaggio alla tv digitale: dal 16 giugno i cittadini del Lazio possono vedere RaiDue e Rete 4 solo in digitale. In pratica, devono avere un decoder. Il passaggio avviene in modo indolore? I cittadini sono adeguatamente informati?

Passaggio graduale alla tv digitale
Il 2012 è la data fatidica per la completa sostituzione del sistema analogico con quello digitale. Dall'ottobre dello scorso anno la Sardegna è diventata "all digital": questo primo passaggio è stato presentato con toni entusiastici. Eppure già questa esperienza ha mostrato più ombre che luci: molte famiglie sono venute a conoscenza del passaggio al digitale solo all'ultimo momento; altre, pur avendo il decoder, hanno avuto problemi di ricezione del segnale. Se il buongiorno si vede dal mattino, la transizione è partita con il piede sbagliato.
Oltre al Lazio, attualmente in Valle d'Aosta, parte del Piemonte e Trentino Alto Adige si è già avviata la trasmissione del segnale in digitale (RaiDue e Rete 4). Seguirà a breve anche la Campania.

Cittadini costretti a subire
Il passaggio alla nuova tecnologia non è certo una libera scelta dei cittadini, ma una decisione politica imposta dai governi e dall'Unione europea. Il minimo che ci si possa aspettare è una corretta informazione sul tema. Ma non basta: l'imposizione del digitale pesa sul portafoglio delle famiglie. Bisogna infatti comprare un decoder (o una tv con decoder integrato) e far verificare che l'antenna sia orientata correttamente per la ricezione del nuovo segnale. Sono previsti contributi statali per gli utenti (sconto di 50 euro sull'acquisto del decoder), ma i requisiti per potervi accedere sono quasi proibitivi.

Iscriviti al nostro gruppo su Facebook sul digitale terrestre, dove puoi anche segnalarci i tuoi problemi.


Stampa Invia