News

Videoregistratori digitali

01 settembre 2009

01 settembre 2009

Registrare e conservare il film preferito o la finale di Champions giocata della squadra del cuore è un piacere per molti.
Videocassette e videoregistratori sono ormai stati soppiantati da tempo da dvd e dvd recorder, che, nella maggior parte dei casi, offrono buone od ottime prestazioni. Nel nostro test sono stati messi a confronto 27 modelli di videoregistratori digitali, con maggiore attenzione ai consumi energetici e alle voci relative al digitale terrestre.

Tanto spazio da gestire
La capienza dell'hard disk di questi modelli varia da 160 a 320 Gb e non necessariamente a una capienza maggiore corrisponde un prezzo più alto. In ogni caso anche la capacità minima è in grado di soddisfare ogni necessità. Per liberare la memoria interna e archiviare i file che si vogliono conservare è possibile riversare le immagini su dvd. Con un'accortezza: la capacità di un dvd è di 4,7 GB ed è possibile che i file da archiviare siano invece più pesanti. È utile, dunque, poter aver la possibilità di modificare la qualità di registrazione.

Il risparmio energetico
Alcuni apparecchi hanno la funzione per il risparmio energetico in stand-by (spesso chiamata eco-mode). La scelta, vantaggiosa per l'utente in termini economici, si rivela in realtà un'arma a doppio taglio. Il più delle volte, infatti, in modalità "eco" i dipositivi esterni non saranno più "visti" dal televisore, in altri casi al televisore non arriva nessun segnale. Per alcuni modelli i consumi sono piuttosto significativi. Fino a 13W.

Le marche del test
  1. LG
  2. Panasonic
  3. Philips
  4. Pioneer
  5. Samsung
  6. Sony

Stampa Invia