Recensioni

Sony RX0: un'action cam per veri videomaker

Un concentrato di tecnologia per sportivi o anche solo per appassionati che hanno bisogno di una macchina piccolissima, capace di fare buone riprese in ogni condizione di luce. Il prezzo elevato (779 euro) è, però, giustificato? L'abbiamo provata per capirlo.

31 gennaio 2018
sony rxo

A prima vista la Sony RX0 può sembrare una action cam, con le sue ridottissime dimensioni (60x40x30mm), la lente grandangolare da 24mm equivalenti e la capacità di resistere a cadute da 2 metri d’altezza o a bagni fino a 10 metri di profondità. E invece, per la Sony, è una vera e propria macchina fotografica.

Le caratteristiche tecniche

Al suo interno troviamo un sensore da 1” e da 15 megapixel, più grande di quello impiegato nelle action cam o negli smartphone, anche di fascia alta. La lente da 24mm di focale e F/4 è progettata dalla Zeiss. Sul retro, si trova invece un display a colori da 1.5” per l’anteprima e per navigare attraverso i menu. La sensibilità è impostabile da 125 a 12800 ISO che salgono a 25600 utilizzando la sovrapposizione automatica delle pose, un sistema presente da anni in tutte le macchine della Sony che permette di ottenere foto meno sporcate dal rumore, anche a ISO elevati, che combina automaticamente più foto scattate in rapida sequenza allo stesso soggetto. Parlando di modalità avanzate, anche la possibilità di scattare foto in HDR (High Dynamic Range) è supportata. La macchina fotografica salva le foto sia in formato JPG che RAW.

Per gli appassionati di video

Per quanto riguarda i filmati, la macchina è in grado di registrare in FullHD fino a 100fps mentre per i filmati in 4K è necessario ricorrere a un registratore esterno connesso attraverso un’uscita micro HDMI di cui la macchina è dotata. L’assenza della possibilità di registrare in 4k direttamente su scheda di memoria lascia perplessi, perché ormai è presente in molti smartphone e action cam. La piccola Sony RX0 però può inviare il filmato, senza compressione a un dispositivo esterno: si tratta di una funzionalità più ricercata, segno che questa macchina è anche rivolta anche ai videomaker che hanno bisogno della miglior qualità possibile in fase di montaggio di un filmato.

Pensata anche per gli sportivi

Gli sportivi ameranno invece la possibilità di riprendere filmati fino a 1000fps (che poi possono essere riprodotti 40 volte più lentamente). La macchina è comunque in grado di effettuare autonomamente l’upscaling a risoluzione FullHD di tutti i filmati registrati, anche a risoluzione inferiore.

La batteria

La batteria è estraibile, per cui è possibile prenderne una di ricambio: un’eventualità da tenere in considerazione se si usa principalmente come videocamera, in quanto l’autonomia è un po’ limitata (c.a. 30’ di video).

Il nostro parere

Le prestazioni come macchina fotografica sono buone e anche i filmati che produce sono di buona qualità. La sua ridotta dimensione, ma anche la sua robustezza, lo mettono in competizioni con prodotti molto diversi fra di loro. Dal punto di vista della qualità d’immagine, la macchina non delude nonostante le dimensioni ridotte possano far pensare che si siano adottati molti compromessi. L’unico neo riguarda l’assenza di un sistema di stabilizzazione che invece è presente in molte action cam della Sony stessa, per non parlare delle macchine fotografiche.  Insomma è difficile trovare una collocazione precisa a questa macchina fotografica e il prezzo non proprio alla portata di tutti (circa 779 euro) la rende qualcosa di appetibile solo a una nicchia di entusiasti, interessati a foto e video creativi, in situazioni non convenzionali (sport, droni, ecc…) .

Se sei un appassionato del genere, ma sei ancora indeciso se acquistare una action cam o una macchina fotografica consulta i nostri test: roverai un’ampia scelta di modelli per capire quello più adatto a te per funzionalità, qualità e prezzo.