Info

Dieselgate: domande e risposte frequenti


Informazioni generali

Perché facciamo questa class action?

Il Gruppo Volkswagen ha installato nella centralina di tutti i veicoli equipaggiati con motore diesel EA189 Euro 5 un software illegale al fine di truccare i risultati delle emissioni durante la fase dei test di omologazione.

Il risultato è che nella normale guida su strada le emissioni reali possono superare in modo rilevante il limite massimo previsto dalla legge ai fini dell’omologazione dei veicoli Euro 5.

Questo comportamento costituisce una pratica commerciale scorretta come rilevato già dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

Occorre pertanto fornire un adeguato risarcimento a tutti i consumatori europei coinvolti in questa vicenda, come già riconosciuto negli Stati Uniti dove per ogni auto i consumatori hanno ottenuto diverse migliaia di dollari di risarcimento.

Vorrei maggiori informazioni sull’azione di classe Dieselgate, dove posso trovarle?

Puoi trovare il testo integrale dell’atto di citazione di Altroconsumo e dell’Ordinanza di ammissibilità del Tribunale di Venezia sul nostro sito internet alla pagina dedicata.

Per qualsiasi altra informazione puoi scrivere una mail all’indirizzo dieselgate@altroconsumo.it

Cosa comporta aderire alla class action?

L’adesione comporta la rinuncia a ogni altra azione individuale contro il Gruppo Volkswagen per gli stessi fatti. La sentenza che definisce la class action farà stato nei confronti degli aderenti. Le eventuali rinunce e le transazioni intervenute tra le parti non pregiudicano i diritti degli aderenti che non vi hanno espressamente consentito. Gli stessi diritti sono fatti salvi anche nei casi di estinzione del giudizio o di chiusura anticipata del processo

L’adesione all’iniziativa mi obbligherà a rimanere proprietario dell’automobile fino al termine della class action?

No, in quanto la nostra richiesta di risarcimento è riferita soltanto al danno subito a seguito della pratica commerciale scorretta posta in essere dal Gruppo Volkswagen che ha falsato la scelta del consumatore in fase di acquisto.

Quale somma otterrò a titolo di risarcimento?

Con questa azione chiediamo al Giudice di riconoscere il rimborso del 15% del costo di acquisto del veicolo. A titolo di esempio, se il costo della tua auto è stato di circa 30.000 euro, il rimborso da noi richiesto sarà di 4.500 euro.

Ti ricordiamo, in ogni caso, che questo risarcimento è condizionato dall’accoglimento delle nostre richieste da parte del Giudice e che lo stesso potrebbe quantificare il danno in misura diversa, anche inferiore. 

Per aderire all’azione dovrò sostenere dei costi?

No, l’azione è stata formalmente ammessa dal Tribunale di Venezia, quindi tutti gli aventi diritto hanno la possibilità di aderire senza costi depositando direttamente presso la cancelleria del Tribunale di Venezia il proprio atto di adesione secondo le modalità previste. Anche nel caso in cui l’azione di classe dovesse avere esito negativo, non verrà imputato alcun costo agli aderenti. Per aderire non occorre l’assistenza di un avvocato.

È necessario diventare soci di Altroconsumo per aderire all’azione?

No, Altroconsumo mette a disposizione di tutti gli aderenti il modulo di adesione e ti seguirà in tutto l’iter processuale per tutelare i tuoi diritti di consumatore a prescindere dalla tua eventuale decisione di diventare nostro sostenitore.