Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok

Banche e credito

Spese di conto corrente: i rincari devono essere giustificati

24 apr 2014

Il nuovo sistema di pagamenti europeo Sepa non deve far variare le commissioni.

Nel corso dell’ultimo mese alcuni soci di Altroconsumo hanno segnalato al servizio di consulenza l’introduzione sul conto corrente di nuove spese per l’addebito delle bollette, aumenti che le banche giustificano con le nuove disposizioni europee relative a Sepa (single european payments area) l’area unica europea dei pagamenti operativa dal 1 febbraio scorso: ovviamente una giustificazione non accettabile.

Non c’è nessuna disposizione della Comunità europea che obbliga le banche a far pagare una commissione per gli addebiti diretti Sepa. Anzi l’introduzione del SDD (addebito diretto Sepa, sepa direct debit) dovrebbe rendere più efficienti i sistemi di pagamento e dunque rendere meno costosa per la banca l’esecuzione delle operazioni.