Torna

determinazione massimale prestazione odontoiatrica

Chiuso Non risolto

Questo reclamo è Pubblico

Il tuo reclamo

F. S.

Inviato a: RBM SALUTE

16/05/2022

Spett.le RBM Salute, vi scrivo attraverso il canale di Altroconsumo in quanto l’interlocuzione con la Vs assistenza al cliente non è in alcun modo riuscita a chiarire il mio dubbio circa la definizione del massimale per la prestazione odontoiatrica di mia figlia, che di seguito provo a rappresentare (vedere per i dettagli il documento in allegato). Sono iscritto al programma RBM salute attraverso FASIF in quanto dipendente del gruppo Stellantis. Per quanto riportato nel documento delle condizioni assicurative AC2 e più in dettaglio a pag. 32 nel secondo paragrafo- il massimale per le cure odontoiatriche nel caso di minori di 18 anni si definisce all’inizio dell’anno e quest’ultimo è valido sino al termine dell’anno stesso. In particolare, il massimale è pari a € 100, cito testualmente, “dal 6° anno di età al 31 dicembre dell’anno di compimento di 8 anni di età”: ovvero, nel mio caso fino al 31 dicembre 2021, essendo mia figlia nata il 16 giugno 2013. Pertanto, il massimale per l’anno 2022 deve essere quello attribuito alla fascia successiva e pari a € 150. Purtroppo, mi è stata parzialmente liquidata una fattura relativa al marzo di quest’anno in quanto il massimale preso in considerazione è di € 100. Ho quindi contattato, come precedentemente detto, l’assistenza ma anche quest’ultima ha confermato il suddetto massimale senza addure però una spiegazione che in qualche modo entrasse nel merito della mia segnalazione. Spero quindi, attraverso il canale di Altroconsumo, di riuscire ad ottenere i chiarimenti richiesti sulla pratica codice: DW96-2022-180401. Cordiali saluti, Francesco Sbarbati

La tua richiesta

  • Rimborso: € 50,00

Messaggi (1)

F. S.

Inviato a: RBM SALUTE

26/05/2022

Spett.le RBM Salute, sollecito il chiarimento richiesto attraverso il canale di Altroconsumo. Resto a Vs disposizione per spiegare eventuali punti non chiari del mio reclamo. Cordiali saluti, Francesco Sbarbati