Consigli

Deodoranti: quali scegliere e come usarli

16 ottobre 2015

16 ottobre 2015

Spray, roll-on o vaporizzatori? Poco importa. Nessuno dei deodoranti che abbiamo messo alla prova ci ha convinto davvero: contro odori e sudore nessuno spicca per efficacia. Prima di scegliere, però, è importante saper distinguere quelli che mascherano gli odori da quelli che fermano il sudore. Ecco come fare e come usarli al meglio.

Dai deodoranti che durano “fino a 48 ore” agli antimacchia che non dovrebbero lasciare aloni sui vestiti (ma li lasciano). Sono questi aspetti di "marketing" che notiamo maggiormente quando acquistiamo un deodorante al supermercato. Raramente, però, ciò che viene messo in evidenza è la vera natura di questi prodotti, ovvero se si tratta di un deodorante classico o di un antitraspirante, contenente cioè sali di alluminio.

Nessun prodotto premiato

Abbiamo portato in laboratorio 15 deodoranti di entrambi i tipi. L'efficacia nel coprire i cattivi odori o ridurre il sudore è risultata solo sufficiente e nessun prodotto ci ha veramente convinto. Ecco perché non troverai nè un Migliore del Test né un Miglior Acquisto, ma solo una classifica stilata in base ai risultati delle diverse prove.


Vai al test sui deodoranti


Come scegliere quello giusto?

Innanzitutto, non va dimenticato che se i deodoranti sono ormai fondamentali, dovrebbe esserlo ancora di più una buona igiene quotidiana. A seconda del tipo di prodotto servono a prevenire, diminuire o mascherare la sudorazione e il conseguente sviluppo di cattivi odori, dovuti ai batteri che risiedono sulla pelle e proliferano in seguito alla produzione di sudore delle nostre ghiandole sudoripare. Vista la diversità di azione, è necessario quindi distinguere in primis tra due tipi di prodotti in commercio:

  • antitraspiranti: provocano l’occlusione parziale dei pori, ostacolando la fuoriscita del sudore grazie alla presenza di sali di alluminio. Negli ultimi anni sono stati messi in relazione con la possibile insorgenza di cancro al seno, cosa però più volte smentita dalle autorità scientifiche;
  • deodoranti propriamente detti, che hanno la funzione di ridurre e mascherare gli odori.

In entrambi i casi possono esserci poi altri ingredienti che aiutano a ridurre il cattivo odore, come sostanze antibatteriche, sostanze che agiscono bloccando gli enzimi responsabili della degradazione del sudore, sostanze assorbenti e così via.

Consigli per l’uso

Una volta scelto il tipo di deodorante, occorre fare attenzione a utilizzarlo nel modo giusto. Ecco qualche accorgimento.

  • Prima bisogna lavarsi. Il deodorante deve essere applicato soltanto dopo la detersione della pelle, avendo eliminato i residui di prodotto usato in precedenza e gli odori già formati.
  • 24h dopo la depilazione. La depilazione consente una evaporazione del sudore più rapida, prevenendone il ristagno e la formazione di cattivi odori, ma dopo averla fatta meglio aspettare 24 ore prima di applicare il deodorante.
  • Mai da piccoli. Meglio non usare deodoranti prima della pubertà.
  • L'alternativa. Esistono in commercio l’allume di potassio (o allume di rocca) con azione astringente, simile agli antitraspiranti, che limita la fuoriuscita di sudore ma ha anche attività antibatteriche.

Stampa Invia