News

Alluminio nei deodoranti

15 maggio 2012
Alluminio nei deodoranti

15 maggio 2012

Ben sei deodoranti su quattordici esaminati contengono una quantità di alluminio superiore a quella consigliata dall'Agenzia per la sicurezza dei prodotti francese. Di questi, quattro sono venduti in Italia.

Il deodorante Axe dry dark temptation per uomo contiene più dell'1,2% di alluminio. Gilette deodorant arctic ice e Dove men care clean comfort per uomo contengono una percentuale di alluminio compresa tra lo 0,6 e 1,2. Lo stesso vale per il deodorante da donna Garnier mineral invisicalm pelle depilata, consigliato addirittura per pelli sensibili. A riverarlo un test condotto da 60 millions de consommateurs, rivista di consumo francese. La concentrazione di alluminio consigliata dall'Agenzia francese per la sicurezza dei prodotti sanitari (Afssaps), è dello 0,6%. Il limite è stato posto dall'autorità transalpina perchè i sali di alluminio (antitraspiranti) sono noti per essere sostanze irritanti. Per ridurre il rischio di irritazioni cutanee è bene quindi seguire alcuni piccoli consigli: lavarsi ogni sera, non riapllicare, non tenere per più di 48 ore (anche se le pubblicità dicono il contrario), lasciar respirare la pelle di notte, non usare sulla pelle lesa o irritata.

Come funzionano gli antitraspiranti
I sali di alluminio o antitraspiranti sono tra i primi componenti impiegati per ridurre il sudore. Non coprono i cattivi odori corporei ma creano un tappo che impedisce al sudore di fuoriuscire. L'Agenzia francese (così come abbiamo fatto anche noi) smentisce la correlazione tra alluminio e tumori al seno ma sostiene comunque che gli antitraspiranti sono sostanze irritanti e come tali non devono essere usate nei casi in cui la pelle sia infiammata, quando ci sono tagli e abrasioni o dopo la depilazione. Fai, dunque, attenzione a come utilizzi questi prodotti. Le confezioni dei deodoranti, pur riportando la scritta "non usare su cute lesa o infiammata", sono criticabili: l'indicazione (ma vale anche per tutte le altre informazioni), è troppo piccola e non ha la giusta rilevanza. 

Stampa Invia