News

Calvizie femminile: perchè la chioma si dirada

01 agosto 2011
Calvizie femminile: perchè la chioma si dirada

01 agosto 2011

Stress, squilibri ormonali, farmaci e diete drastiche tra le cause del diradamento. Nessuna prova scientifica dell’efficacia dei prodotti anticaduta, tanto pubblicizzati.

Più di quanto si pensi
Le donne alle prese con una perdita importante di capelli sono più numerose di quanto si pensi. Il fenomeno interessa, secondo diverse stime, dal 30 al 50% delle donne nel corso della loro vita. Il problema è in molti casi passeggero, ma quando c’è di mezzo la predisposizione genetica le preoccupazioni cominciano a essere più fondate, perché la perdita può diventare irreversibile. Una caduta di 50-100 capelli al giorno, su un totale di circa 100 mila posseduti da un adulto, è del tutto normale, anzi il più delle volte non è nemmeno percepita. Fa parte del ciclo vitale del capello, che rimane in testa da tre a sette anni, per essere rimpiazzato una volta caduto.

Il letargo del bulbo
Se per qualche motivo questo meccanismo si inceppa, prima di ricorrere a cure fai-da-te o a dispendiosi prodotti cosmetici che promettono miracoli, meglio fare una capatina dal proprio medico per approfondire la questione. Si sa che per gli uomini la calvizie può essere destabilizzante e per le donne psicologicamente devastante, ma l’importante è non farsi prendere dal panico vedendo le ciocche trattenute dalla spazzola: i capelli si salvano usando la testa. Integratori, shampoo e lozioni sono un affare solo per chi li vende. Nella maggior parte dei casi, per effettuare una diagnosi, al medico sarà sufficiente esaminare con attenzione il cuoio capelluto e raccogliere le informazioni utili parlando con la paziente. Le cause che accompagnano il bulbo verso il letargo possono essere molteplici: l’autunno e le castagne non sono tra queste.


Stampa Invia