News

Cosmetici: le più grandi bufale del web

24 agosto 2015
Cosmetici: le più grandi bufale del web

24 agosto 2015

Per vendere di più il marketing ricorre anche ad allarmi infondati su presunte sostanze nocive nei prodotti: soprattutto su internet si trovano informazioni di tutti i tipi, spesso scorrette. Ecco qualche esempio.

Il mondo dei cosmetici è pieno di slogan miracolosi che promettono bellezza e salute in un batter d'occhio come ti mostriamo nel nostro speciale. D'altro canto, sulle sostanze contenute in creme, detergenti&Co, circolano anche tanti allarmi infondati, soprattutto sul web. Eccone alcuni esempi.

Marketing e falsità: il gioco dell'allarme

Molte notizie allarmanti che girano in rete su presunte sostanze tossiche nei cosmetici non hanno alcun fondamento ma - guarda caso - spesso ci spingono ad acquistare l'ultima novità sugli scaffali, che si vanta di essere diversa. Sono anche queste tecniche di marketing: ecco una piccola carrellata delle bufale più comuni.

  • "I deodoranti provocano tumori al seno"

Non esistono prove che dimostrino questa notizia, sempre smentita dalla comunità scientifica.

  • "I conservanti fanno male"

I conservanti non sono tutti uguali. Alcuni, sebbene ammessi dalla normativa europea, sono sconsigliabili perché non hanno un profilo di sicurezza certo, come i parabeni a lunga catena. Ma molti altri sono considerati sicuri e sono essenziali per evitare il deterioramento delle sostanze. Molti prodotti, infatti, proprio per la loro composizione, ricca di acqua, rischiano una contaminazione microbica.

  • "Il Sodium Laureth Sulfate è cancerogeno"

Si tratta di un tensioattivo presente in molti detergenti perché a contatto con l'acqua aiuta a rimuovere lo sporco, ma non esiste nessuna correlazione scientificamente provata tra questa sostanza e lo sviluppo di tumori.

  • "Compra solo se c'è scritto: non testato su animali"

In realtà si tratta di un claim vecchio, che sta sparendo da quasi tutti i prodotti perché la normativa europea attuale già vieta la sperimentazione sugli animali per tutti i prodotti cosmetici.


Stampa Invia