News

Melanoma, occhio ai nei

01 giugno 2012
melanoma

01 giugno 2012

Per prevenire uno dei tumori della pelle più aggressivi è essenziale tenere sotto controllo i nei del nostro corpo, soprattutto se ce ne sono di atipici (ne basta uno per aumentare il rischio di una volta e mezzo). Il numero conta: chi ha più di cento nei "normali" è sette volte più a rischio di chi ne ha una decina. 

Scovare il "brutto anatroccolo"
Come scoprire se abbiamo un neo a rischio? I nei "sospetti" hanno in genere un bordo irregolare, sono asimmetrici, il colore non è omogeneo e hanno un diametro superiore ai 6 mm.

La prevenzione è l'unica cura
Per giungere alla diagnosi precoce del melanoma che, ad oggi, è l'unica vera possibilità di "cura" bisogna tenere sotto controllo i nei e proteggersi dai raggi del sole. I consigli:
  • se hai la pelle e gli occhi chiari, capelli biondi o rossi e soprattutto se hai molte lentiggini, evita di esporti al sole nelle ore in cui la luce è più intensa e proteggiti con creme contenenti adeguati indici di protezione solare;
  • evita le lampade abbronzanti;
  • se hai figli piccoli, non esporli al sole nelle ore più calde, proteggili sempre con creme dall'adeguato indice protettivo ed evita le scottature;
  • se hai molti nei e non sei mai andato da un dermatologo, varca la sua soglia almeno una volta;
  • se sai già di avere nei atipici o in famiglia ci sono stati casi di melanoma, meglio sottoporti a visite periodiche dal dermatologo;
  • controlla periodicamente i tuoi nei, sia quelli comuni, sia quelli atipici, davanti allo specchio. Vai a guardare anche nelle zone più nascoste: cuoio capelluto, orecchie, seno, ascelle, unghie, piedi nella loro interezza (collo, pianta e dita comprese). Meglio farsi aiutare da qualcuno per ispezionare queste aree.
  • se conosci l'inglese e vuoi tenerti informato sull'evoluzione della ricerca sul melanoma puoi consultare il sito del progetto Molecular Map Melanoma Project, un database internazionale che raccoglie e rende pubblici i dati scientifici sulla malattia e le notizie aggiornate sulla diagnosi e la terapia.

Stampa Invia