News

Rosanna Massarenti premiata come Tecnovisionaria 2013

05 novembre 2013
Rosanna Massarenti premiata come Tecnovisionaria 2013

05 novembre 2013

Il direttore della rivista Altroconsumo è tra le Tecnovisionarie del 2013. Rosanna Massarenti ha ricevuto il premio WomenMedia, rivolto a donne impegnate nel compito di rendere accessibile a tutti i complessi temi legati all’alimentazione e nutrizione a tutela dei consumatori.

Rosanna Massarenti è tra le Tecnovisionarie del 2013. Il direttore della rivista Altroconsumo ha ricevuto il premio WomenMedia, rivolto a donne impegnate nel compito di rendere accessibile a tutti i complessi temi legati all'alimentazione e nutrizione a tutela dei consumatori. Il premio, consegnato da Patrizia Rutigliano, Presidente Ferpi e Direttore Relazioni Istituzionali e Comunicazione di Snam, è stato assegnato "Per l’assiduo e costante impegno nella diffusione di conoscenze relative all’identità, ai bisogni e alla tutela del consumatore. La rivista Altroconsumo, attraverso un linguaggio trasparente e preciso, è capace di veicolare gli interessi e i diritti fondamentali dei cittadini, quali la protezione della salute e la sicurezza, l’importanza di vivere in un ambiente sano, la possibilità di compiere scelte etiche di consumo."

Tra salute, sostenibilità e innovazione

Proseguendo il percorso tracciato dall’edizione 2012, Women&Technologies 2013, organizzata dall'Associazione Donne e Tecnologie, ha approfondito il tema dell’alimentazione nelle sue interconnessioni con la salute, la sostenibilità e l’innovazione. L’obiettivo è quello di fornire una visione olistica, fruibile dal consumatore finale, delle nuove frontiere e sfide per la definizione di un’alimentazione diretta alla prevenzione, per lo sviluppo di un’agricoltura e di una produzione sostenibili e capaci di favorire le piccole e medie imprese del settore che rappresentano un’eccellenza da tutelare, per la promozione di ricerche innovative che coinvolgano lo sviluppo di tecnologie e approcci ecosostenibili nei diversi settori collegati all’alimentazione nonché per il miglioramento della comunicazione al consumatore e in particolare la trasparenza e la veridicità dell’informazione su questo tema.


Stampa Invia