News

Zanzare: rimedi a confronto

27 giugno 2012
zanzare

27 giugno 2012

Come difendersi dalle zanzare? Idee stravaganti a parte (come quella di usare i pipistrelli contro gli odiati insetti) diversi sono i possibili rimedi, non tutti efficaci per la verità.

Sono molti i rimedi contro le zanzare. Nel nostro ultimo test ci siamo concentrati sui prodotti per l'esterno, simulando alcune attività all'aperto. Non tutti sono adatti ai bambini più piccoli.

Sulla nostra pelle
Il principio attivo più usato ed efficace è il DEET (concentrazioni intorno al 15% sono efficaci, concentrazioni elevate al 30% da usare solo occasionale per vacanze in luoghi a rischio, non per uso abituale), che in forti dosi può causare irritazione cutanea e, se assorbito, può essere neurotossico: per i bambini preferite barriere meccaniche (zanzariere) o almeno scegliete le formulazioni apposite x bambini con + di 2 anni, controllando la concentrazione di DEET in etichetta (inferiori al 10%). La citronella è uno dei pochi repellenti naturali efficaci (anche se, come molte sostanze, naturali o meno, può dare reazioni allergiche). Controllate bene l’etichetta, perché non mancano prodotti sedicenti naturali che contengono DEET.
Lo spray in bomboletta (o spray secco) è più comodo per un'applicazione veloce. Tieni presente che si può anche spruzzare un po' sui vestiti senza che questi si macchino.
Lo stick e i formati tascabili sono decisamente più trasportabili degli spray in bomboletta. Vanno bene quando ci sono delle piccole superfici da proteggere: caviglie, collo e braccia. Sono meno igienici degli spray se vengono usati da più persone.
Le lozioni, i gel e le creme sono più pratici da spalmare in fretta e con maggiore sicurezza sui bambini.
Le salviette sono più adatte a una veloce ripassata o quando le parti esposte sono ridotte (per esempio mani e collo).
Evitate i prodotti che non riportano la dicitura "presidio medico chirurgico", con il numero di autorizzazione ministeriale, perché significa che sono semplici cosmetici.
Un repellente "naturale" di per sé non è detto che sia più sicuro. Alcuni inoltre sono meno efficaci dei repellenti chimici. Sono efficaci invece quelli a base di citrodiolo, utilizzabili anche per i bambini sotto i 12 anni.

La vitamina B6? Non funziona
La vitamina B6 è indispensabile per il buon funzionamento del sistema immunitario, il che comporta una minore reazione della pelle alle punture, ma non impedisce di essere punti.

Antibatterici: inutili
I saponi antibatterici possono schermare la nostra pelle solo per qualche istante, dato che è la flora batterica ad attirare le zanzare e questa ricompare subito dopo il lavaggio.

Gli ultrasuoni non servono
C’è chi ricorre ad antizanzara a ultrasuoni. Prive di udito, le zanzare non li percepiscono; al contrario, possono danneggiare l’udito di chi ne fa uso.

Diffusori elettrici monouso
Non necessariamente bisogna sostituire ogni notte le piastrine dei diffusori. Le nostre prove hanno infatti dimostrato che le piastrine hanno normalmente un effetto anche molto più duraturo di quanto dichiarato dai produttori. Profumo e colore sono additivi aggiunti, non sempre coincidono con l’efficacia dell’insetticida.

Repellenti per ambiente
I princìpi attivi di spray e diffusori sono sostanze ben conosciute e ampiamente collaudate: si tratta di piretroidi, dannosi per gli insetti, ma innocui per l’uomo. Importante comuque attenersi alle istruzioni.

Candele di citronella
Le candele di citronella funzionano da cortina fumogena, contro l’avvicinamento degli insetti: riducono il rischio di essere punti, ma non lo eliminano del tutto.

Stampa Invia