Speciali

Creme idratanti per il corpo: guida all'acquisto

13 marzo 2018
creme corpo

13 marzo 2018

Le creme idratanti per il corpo sono indicate per reidratare la pelle. Nonostante gli slogan delle pubblicità le presentino come dei prodotti miracolosi, è bene prestare attenzione agli ingredienti presenti nei prodotti. Ecco una guida che ti aiuta a scegliere quella giusta per te.

Le creme corpo idratanti sono prodotti indicati per reidratare perché impediscono l’evaporazione dell’acqua dalla pelle. Agiscono solo a livello degli strati superficiali dell’epidermide e possono essere utilizzate su tutto il corpo, ma non sono specifiche per il viso. Certo, l’ampia gamma di prodotti che troviamo in commercio non semplifica la scelta. Oltre alle preferenze personali, ci sono però alcuni aspetti da prendere in considerazione quando si deve acquistare una crema, per non farsi ingannare dalle pubblicità.

Preziose per la pelle

La pelle rappresenta il confine tra il nostro organismo e il mondo esterno, fungendo sia da barriera di difesa nei confronti di microrganismi, sostanze tossiche e sia come ostacolo per la perdita d’acqua. Si parla di pelle disidratata quando il tasso di umidità della pelle scende al di sotto di una certa soglia (variabile da persona a persona). La disidratazione può essere aggravata da fattori climatici (freddo, vento, bassa umidità, etc..). Più comunemente, invece, si parla di pelle secca quando la superficie della pelle si presenta rugosa, screpolata, secca o quando perde la sua morbidezza. Il concetto di idratazione non va, però, confuso con qualcosa di puramente estetico: infatti se da un lato una pelle ben idratata dona un aspetto “in salute” e piacevole al tatto, dall’altro è nelle condizioni per poter espletare al meglio le proprio funzioni (ad es., l’effetto barriera). Per mantenere la pelle del nostro corpo liscia e morbida l’acqua da sola non basta. Anzi, se ci si lava troppo si perdono le sostanze idratanti presenti nel suo strato superficiale. Quindi, dopo la doccia o il bagno, è buona abitudine “arricchirla” con una crema idratante. Il sole, il freddo, il vento, ma anche l’aria condizionata sono gli stress, spesso quotidiani, che fanno perdere acqua ed elasticità alla pelle.

Come funzionano

Esistono sul mercato molti prodotti il cui scopo è quello di idratare la pelle, una volta applicati: creme, latti, burri e oli vegetali. L’attività di questi prodotti da applicare e spalmare direttamente sulla pelle si esplica sia  attraverso la creazione di un “film” superficiale che riduce la perdita di acqua dall’epidermide (lo strato più esterno della pelle) e l’azione di sostanze idratanti e umettanti (ad esempio la glicerina) che sono in grado di legarsi all’acqua, trattenendola. Inoltre le sostanze emollienti contenute (come oli e grassi vegetali) si uniscono al naturale manto idro-lipidico presente sulla nostra pelle per esercitare le funzioni sopra citate. Ricordiamo che i prodotti in questione, così come tutti gli altri cosmetici, agiscono solo a livello superficiale dato che sono in grado di agire e di ripristinare un buon livello di idratazione solo dello strato superiore dell’epidermide.

Quale scegliere?

Le creme idratanti per il corpo che troviamo sul mercato sono quasi tutte efficaci nel ridare la giusta idratazione alla nostra pelle, come ha dimostrato l'ultimo test che abbiamo fatto. Il che significa che, al di là del gusto personale che ci porterà a privilegiare una certa crema per il suo profumo o per la sensazione che ci dà sulla pelle, qualsiasi prodotto si scelga ci garantirà un qualche risultato, rispetto al non usare  del tutto alcuna crema. La buona notizia, inoltre, è che in genere le crema che troviamo al supermercato hanno caratteristiche e qualità simili a quelle vendute a prezzi ben più elevati in farmacia o in profumeria. Questo dimostra che non sempre spendere di più significa acquistare un prodotto migliore.

 La classifica degli idratanti più sicuri

Idratanti sotto la doccia? Non proprio il massimo

Di prodotti alternativi alle classiche creme ne esistono di diversi tipi: latti, burri, oli vegetali.  Da un paio d'anni sono in commercio delle nuove tipologie di idratanti da utilizzare direttamente sotto la doccia. Si tratta di balsami per il corpo (per pelli normali e per pelli secche), che hanno, appunto, la particolarità di dover essere applicato, sotto la doccia - dopo la detersione - per poi essere risciacquato, proprio come un balsamo per capelli. Un nostro test su un prodotto noto di questa nuova categoria ha dimostrato che non idratano quanto una crema, anzi: nel caso di pelle secca, li sconsigliamo.

Attenzione alle etichette

Tra i claim più usati vi sono quelli che vantano  una lunga idratazione, da 24h a 48h in genere, quando invece i dati hanno dimostrato che anche solo dopo 24h il livello sia già notevolmente ridotto. Le varie diciture “senza X” o “0%...” se da una parte danno un informazione a chi è poco avvezzo alla lettura della lista degli ingredienti, dall’altro sono una facile strategia di marketing poiché veicolano una falsa sensazione di  sicurezza circa l’uso del prodotto in questione: non è improbabile, infatti, che l’assenza di una sostanza strillata in confezione venga compensata con un’altra meno nota, ma addirittura più critica. Questo perché come spesso ricordiamo non è l’assenza di un ingrediente a determinare la bontà di un prodotto. La maggior parte delle creme in commercio contengono profumi, ciò rende l’esperienza cosmetica più piacevole venendo incontro alle aspettative e gusti del della maggioranza degli utilizzatori: questo aspetto è marginale se non per le preferenze personali di ognuno, ma diviene di fondamentale importanza nel caso in cui si soffre di allergie, per questo motivo è meglio verificare in etichetta l’assenza di sostanze che con più probabilità possono essere sensibilizzanti nel caso di soggetti predisposti o notariamente allergici e di non fidarsi di claim come “ipoallergenico” o “dermatologicamente testato” che non hanno alcun impatto sulla sicurezza o cura della formulazione. Puoi consultare l’elenco delle 26 sostanze (per lo più di provenienza naturale, ma riproducibili sinteticamente) utilizzate nei cosmetici utilizzate nei cosmetici, sebbene ricordiamo che qualsiasisostanza utilizzata può rivelarsi responsabile di sensibilizzazioni. Infine, trattandosi di creme corpo destinate ad essere applicate in estese parti di pelle e rimanerne in contatto sconsigliamo prodotti che contengono interferenti endocrini, ovvero sostanze in grado di interferire con il nostro sistema ormonale e tutt’ora oggetto di studio. Più specificatamente per ora la nostra avvertenza ai consumatori riguarda solo il propylparaben, butylparaben ed ethylhexylmethoxicinnammate (anche detto OMC).