News

Ceneri vulcaniche problemi per la salute

21 aprile 2010
ceneri

21 aprile 2010

Le ceneri vulcaniche eruttate dal vulcano islandese hanno creato una nube che sta percorrendo i cieli d’Europa. Ci sono problemi per la salute dei cittadini? Per ora no: lo afferma il ministero della Salute, che ha comunque allertato Regioni, Agenzie regionali per l’ambiente (Arpa) e Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra). La situazione viene dunque monitorata, per segnalare tempestivamente eventuali pericoli.

Nube vulcanica: rischi solo a bassa quota
Le agenzie europee dell’Organizzazione mondiale della sanità e delle Nazioni unite hanno stimato che circa il 25% delle ceneri eruttate dal vulcano abbia un diametro inferiore ai 10 micron, fattore che le classifica come polveri sottili (Pm10). La loro pericolosità per la salute umana è legata alla discesa di quota. Essendo ora in alta quota, non esiste rischio di contaminazione per la popolazione.

Persone a rischio e prevenzione
Nel momento in cui le ceneri dovessero scendere a bassa quota, le polveri sottili che contengono possono avere effetti negativi per gli asmatici e le persone che hanno problemi respiratori. Essendo inoltre abrasive, possono irritare la pelle e gli occhi. Per evitarne l’inalazione si devono utilizzare mascherine antipolvere. In ogni caso, per ora, la situazione non richiede affatto il ricorso a dispositivi filtranti di protezione.

Alimenti: pochi rischi secondo l'Efsa
Sulla base dei dati oggi disponibili, sono trascurabili, secondo l'Efsa (autorità per la sicurezza alimentare), i rischi di contaminazioni di acqua, frutta, verdura, pesce, carne, latte e mangimi.


Stampa Invia