News

Donazione organi

01 ottobre 2009

01 ottobre 2009

Cosa ne pensano gli italiani della donazione degli organi? Quali sono le paure più diffuse? Quanto se ne parla in famiglia? Dalla nostra indagine emerge che paure e pregiudizi potrebbero diminuire con una migliore informazione e un buon dialogo tra familiari.

Italiani: un popolo di donatori
Tra i paesi che hanno partecipato alla nostra inchiesta l'Italia risulta quello in cui la più alta percentuale di persone è favorevole alla donazione. Grazie a una campagna del ministero della Salute di qualche anno fa il 32% degli italiani si dichiara donatore, ma quasi nessuno porta con sé il documento che rende nota questa volontà.

Informazione e dialogo contro le paure
Timori infondati (come la paura di non essere morti al momento dell'espianto) ostacolano questo gesto generoso: in realtà invece le procedure previste garantiscono completamente da rischi di questo tipo. Se i mezzi di comunicazione, o semplicemente i medici stessi parlassero di più e più chiaramente riguardo alle condizioni in cui un paziente può essere sottoposto all'espianto, molti dubbi sparirebbero. La nostra indagine mostra che ben il 45% degli italiani denuncia una lacuna informativa sull'argomento.
Anche l'incertezza sulla volontà dei propri cari è un ostacolo: un altro aspetto importante è affrontare l'argomento in famiglia per conoscere la volontà dei propri cari sulla questione.


Stampa Invia