News

Inchiesta: se la gravidanza non arriva

01 aprile 2010
inchiesta

01 aprile 2010

Risolvere i problemi legati al concepimento difficoltoso di un bambino non è facile. Tra i principali problemi segnalati dalle donne con difficoltà di concepimento: la mancanza di un sostegno psicologico, i lunghi tempi di attesa per accedere alle cure, i costi dei trattamenti.

La causa dei problemi di fertilità
Le coppie oggi tendono a rimandare il momento in cui concepiscono il primo figlio, soprattutto per motivi legati al lavoro e alla carriera. Ormai in media in Italia una donna diventa madre per la prima volta a 29 anni. Al crescere dell'età aumentano però anche le diffi coltà a concepire o a portare a termine la gravidanza. Si stima che l'infertilità colpisca circa il 15% delle coppie. Nella nostra inchiesta abbiamo provato a capire quanto la gente sa dei propri problemi di fertilità, cosa fa quando si accorge di avere difficoltà a concepire, come affronta le cure necessarie.

Perché non resto incinta?
Dalla nostra inchiesta risulta che la maggioranza del campione ha grosse lacune in tema di salute riproduttiva. E l'ignoranza, naturalmente, non agevola chi tenta di avere un bambino senza riuscirvi. L'infertilità non è facile da diagnosticare, ma molte donne, per motivi diversi, non cercano nemmeno di capire meglio perché non riescono a restare in- cinte. Un'italiana su tre dichiara di non avere idea dei motivi.

La legge 40 sulla fecondazione assistita
Dalla nostra inchiesta emergono alcuni limiti della situazione italiana, anche legati alla discussa legge 40, nel frattempo però modificata dalla Corte costituzionale.

Un'italiana su tre ci ha risposto di ritenere che la legge 40 diminuisca le possibilità di successo della fecondazione assistita. La sentenza della Corte costituzionale, abolendo l'obbligo di ottenere e impiantare tre embrioni, permette oggi di calibrare meglio la terapia sulle esigenze della singola paziente (soprattutto l'età), riducendo anche alcuni effetti indesiderati (tra cui le gravidanze multiple).

Il metodo dell'inchiesta
L'inchiesta è stata condotta tra maggio e giugno del 2009 e ha riguardato le conoscenze, le esperienze e le opinioni delle persone sui problemi riguardanti la salute riproduttiva.

È stata condotta contemporaneamente in quattro paesi europei: Italia, Spagna, Portogallo e Belgio, tramite questionari inviati per posta. Sono state raccolte le risposte di 5.327 donne tra i 25 e i 44 anni (1.196 le donne italiane), rappresentative della popolazione per età e area di residenza.


Stampa Invia