News

Influenza laumento di casi e nella norma

27 gennaio 2011

27 gennaio 2011

I casi di influenza aumentano, ma i dati dell’Istituto Superiore di Sanità sono rassicuranti: l’andamento delle sindromi influenzali è paragonabile agli altri anni. I decessi non devono spaventare: in persone di età avanzata, debilitate o con malattie croniche, sono purtroppo nella norma.


Più colpiti bambini e adolescenti
I virus stagionali hanno messo a letto più di 7 italiani su 1000 nell’ultima settimana. Poco colpiti gli over 65 anni (1-2 casi su mille), mentre bambini e adolescenti mostrano tassi due o tre volte più grandi della media. Dall’inizio di gennaio abbiamo ormai superato i due milioni di casi, ma è tutto nella norma a confronto con le passate stagioni, esclusa la pandemia dello scorso anno. Il picco è previsto tra la fine del mese e l'inizio di febbraio.

Le morti sono inevitabili
Durante la stagione influenzale è inevitabile che si osservino delle morti, soprattutto in persone di età avanzata o con malattie croniche. Purtroppo altre morti sono attese oltre a quella registrate in questi giorni.
L’anno scorso la tanto temuta pandemia ha causato nel nostro paese circa 260 morti a fronte di un numero elevatissimo di casi di malattia, molto più elevato che nelle normali stagioni influenzali.

Ecco alcuni consigli per gestire l’influenza
L’unico modo di evitare l’influenza è evitare il contagio: lavarsi le mani è la strategia più efficace. Lavati le mani non appena arrivi a casa o al lavoro.
Il sapone classico è l’arma migliore. Non c’è alcun bisogno di ricorrere a disinfettanti a base di cloro o saponi antibatterici: non sono utili contro i virus.
Se invece i sintomi si sono già manifestati: resta a casa, contatta il medico di famiglia e segui le sue indicazioni.
Tanta acqua, riposo e un'alimentazione leggera ricca di frutta e verdura sono le armi più efficaci per combattere il malanno stagionale. Eventualmente puoi ricorrere a un antipiretico o a un antidolorifico/antinfiammatorio se la febbre e i dolori sono forti, sempre seguendo le indicazioni del medico.


Stampa Invia