News

Ospedali: promossi e bocciati da nord a sud

28 marzo 2012

28 marzo 2012

Abbiamo chiesto a centinaia di medici di base e specialisti di indicarci i migliori ospedali italiani. Ancora una volta fortissima la differenza tra nord e sud: quasi tutte le eccellenze si concentrano nelle regioni settentrionali, Lombardia in testa. Ma in un Paese civile è ancora accettabile tanta differenza?

Abbiamo inviato un questionario a un campione di medici di base e di specialisti, per conoscere il giudizio che i medici danno degli ospedali italiani. Attraverso il questionario abbiamo chiesto loro di indicare quali strutture ospedaliere italiane, secondo il loro parere, forniscono le cure miglioria persone che soffrono di seri problemi di salute in 13 specialità: cardiologia, diabetologia,gastroenterologia, ginecologia (esclusi gravidanza e parto), nefrologia, neurologia, oculistica, oncologia, ortopedia, otorinolaringoiatria,pediatria, pneumologia, urologia.

Al nord si cura meglio
Dei quarantasette ospedali presenti nelle nostre classifiche perché i più frequentemente citati come i migliori dai medici interpellati, ben ventidue strutture mediche sono situate nel nord-ovest, mentre solo quattro al Sud: la nostra inchiesta conferma quindi la scandalosa disparità esistente nelle strutture sanitarie del nostro territorio. Va meglio al centro e al nord est, che hanno rispettivamente dieci e undici ospedali tra i più segnalati.

Gli ospedali migliori
Per la cardiologia, è risultato primo l’Istituto cardiologico Monzino di Milano. Nella stessa città, la palma va al San Raffaele per diabetologia, nonché oculistica e urologia. Gastroenterologia vede in prima posizione il policlinico Malpighi di Bologna, mentre per ginecologia è in testa l’azienda ospedaliera san Gerardo di Monza, seguita a breve da un’altra struttura lombarda, la Mangiagalli di Milano. Ancora a Milano troviamo l’ospedale più reputato per la nefrologia: è l’Ospedale
maggiore policlinico. Primo posto per l’Istituto europeo di oncologia di Milano nella specialità relativa, seguito a breve dall’istituto nazionale dei tumori nella stessa città. Per l’ortopedia il primato va al Rizzoli di Bologna. Per la neurologia, spicca lo stacco con cui è in testa il Besta di Milano. Per otorinolaringoiatria (disturbi della gola e del naso) primeggia il policlinico Gemelli di Roma, tallonato dagli Spedali Civili di Brescia, mentre nella pediatria è in cima alla classifica il Gaslini di Genova.
Quello della pneumologia è uno dei settori in cui il Sud ha la sua parte: è in testa il Monaldi di Napoli, seguito a breve distanza dal san Matteo di Pavia.

Stampa Invia