News

Tecnologia e salute, occhio alle false notizie

01 luglio 2010

01 luglio 2010
“Ricercatore scopre di essere stato infettato da un virus informatico”, è la sensazionale notizia che a fine maggio ha fatto il giro della stampa che conta (BBC in testa). In realtà il ricercatore si è soltanto inserito sottopelle un chip Rfid (simile a quelli degli animali) su cui, preventivamente, aveva caricato del malware (che ovviamente non ha creato alcun danno). Una bufala mediatica che ha ottenuto il solo risultato di dimostrare quanto facilmente la stampa si lanci su notizie sensazionalistiche (specie quando riguardano la sicurezza di apparecchiature elettroniche destinate alla nostra salute), senza però passarle a un attento vaglio critico.

Stampa Invia