News

Cure per l'acne, rischio isotretinoina

01 dicembre 2010
acne

01 dicembre 2010

Un farmaco contro l’acne grave, l’isotretinoina, è utilizzato con troppa leggerezza, nonostante i possibili importanti effetti indesiderati. Anche le vostre testimonianze lo confermano.

Un farmaco da usare solo quando l'acne è grave
Quando l’acne è leggera, si cura con prodotti da applicare localmente. Se è moderata, sono indicati gli antibiotici. Se è grave, tanto da provocare noduli e cisti, il primo passo è unire una terapia di antibiotici presi per bocca a creme da applicare localmente: solo se questa non funziona si può pensare a una cura a base di isotretinoina (esiste come generico e con i nomi commerciali di Roaccutan, Aisoskin, Isoriac). Queste precauzioni sono legate al fatto che il farmaco comporta il rischio di gravi effetti indesiderati.

Effetti indesiderati dell’isotretinoina
- I meno gravi e più comuni sono infiammazioni delle labbra, secchezza della pelle, sanguinamento del naso, problemi degli occhi, modifica di alcuni parametri del sangue, dolori muscolari.
- Un grave rischio è quello di malformazioni per il feto qualora l’isotretinoina sia assunta in gravidanza.
- Anche se non è ancora completamente accertato, questo farmaco può dare gravi disturbi psichici, inclusi depressione e intenzioni suicide.

Le informazioni sono insufficienti
Dalle testimonianze raccolte attraverso il nostro sito (276 persone) è emerso che l’isotretinoina è prescritta con troppa leggerezza.
Qualche esempio:
- il farmaco è prescritto anche per disturbi diversi dall’acne, per acne leggera e come prima terapia;
- i medici danno informazioni insufficienti, in alcuni casi non menzionando il rischio di effetti indesiderati o citando solo i più comuni;
- il rischio di danni per il feto è affrontato con leggerezza: spesso non si richiede un test di gravidanza all’inizio della cura, come dovrebbe essere sempre fatto, né si richiedono test mensili;
- durante la terapia c’è scarsissima comunicazione sugli effetti indesiderati.


Stampa Invia