News

Farmaci generici lindustria frena il risparmio cala

09 luglio 2009
farmaci generici

09 luglio 2009

Il brevetto è scaduto, ma il farmaco generico non arriva: i cittadini hanno dovuto aspettare più di sette mesi per averlo a disposizione. Se fossero stati resi disponibili subito, si sarebbe risparmiato il 20% della spesa. Lo dice la Commissione Europea.

Il brevetto è scaduto, ma il farmaco generico non arriva: i cittadini hanno dovuto aspettare più di sette mesi per averlo a disposizione. Se fossero stati resi disponibili subito, si sarebbe risparmiato il 20% della spesa.
È uno dei risultati dell'indagine della Commissione Europea sul settore farmaceutico, resa pubblica l'8 luglio.

Freni ai farmaci generici
Secondo l'indagine della Commissione all'origine di questi ritardi c'è anche il comportamento delle aziende farmaceutiche, che adottano diverse strategie per estendere la durata dei brevetti e mantenere così il monopolio sul farmaco e soprattutto il prezzo alto: brevetti multipli, vertenze legali nei confronti delle aziende concorrenti, cattiva pubblicità nei confronti dei generici, tentativo di spostare le prescrizioni verso altri farmaci, presentati come innovativi (anche se quasi mai lo sono).

Poca ricerca, pochi farmaci innovativi
Dal 2000 al 2007, ha rilevato l'indagine, le aziende farmaceutiche hanno spesso il 17% del loro budget in ricerca e sviluppo. Una percentuale troppo bassa, soprattutto se paragonata al 23% delle spese sostenute per marketing e attività promozionale. Questo spiega perché non ci sono farmaci innovativi: negli ultimi anni le aziende hanno investito più in marketing che in ricerca.

Impegni della Commissione europea sui farmaci generici
La Commissione si è impegnata ad adoperarsi perché i generici siano disponibili il più presto possibile, a fermare le campagne finalizzate a screditare la qualità dei farmaci generici, ad avviare studi clinici per valutare il reale valore aggiunto dei farmaci di nuova immissione sul mercato.

Il nostro consiglio
Chiedete sempre al farmacista e al medico di vendervi o prescrivervi un farmaco generico, se è disponibile: è un modo intelligente per risparmiare e per la nostra salute non cambia niente.


Stampa Invia