News

Farmacovigilanza collaborate con noi

01 giugno 2009
farmacovigilanza

01 giugno 2009

La farmacovigilanza è l'attività di vigilare sugli effetti indesiderati dei farmaci e sul loro uso dopo che sono entrati in commercio. Da anni lavoriamo per dimostrare che i pazienti consumatori devono essere coinvolti in questa attività.
Se avete utilizzati un farmaco per l'acne grave, l'isotretinoina (nomi commerciali: Aisoskin, Isoriac, Roaccutan), vi chiediamo di raccontarci la vostra esperienza attraverso il nostro sito altroconsumo.it/salute.

Una fonte importantissima di segnalazioni
Bisogna coinvolgere maggiormente i pazienti-consumatori. Va potenziata la loro segnalazione diretta: sono fonte scrupolosa e ricca di informazioni non solo sugli effetti indesiderati, ma anche sul cattivo utilizzo dei farmaci.Il legislatore europeo e quello italiano devono essere più propositivi nel coinvolgere i pazienti: non basta mettere a disposizione il modulo.

Non bisogna dare troppo spazio all'industria farmaceutica
Abbiamo denunciato più volte anche attraverso il Beuc, l'associazione europea di consumatori di cui siamo membri, il rischio di conflitto d'interessi pericoloso che si verrebbe a creare se la nuova direttiva europea sulla farmacovigilanza concedesse alle aziende farmaceutiche un'autonomia incontrollata sulla valutazione della sicurezza dei farmaci da loro prodotti.

Un simbolo sui medicinali nuovi
Chiediamo all'Aifa che, sui medicinali nuovi, da poco entrati in commercio, sia messo un simbolo di riconoscimento per evidenziare l'utilità di segnalare tutte le reazioni indesiderate. Fino a prova contraria, è da ricordare che i farmaci vecchi sono più sicuri perché più sperimentati e in commercio da più tempo.

Isotretinoina: collaborate con noi
Se avete usato o state usando isotretinoina per l'acne, vi chiediamo di rispondere alle domande del questionario sulla isotretinoina, pubblicato sul nostro sito altroconsumo.it/salute. Noi passeremo le segnalazioni alle autorità competenti e voi avrete contribuito a un utilizzo più sicuro dei farmaci.


Stampa Invia