News

LItalia divisa dai ticket sanitari

01 giugno 2009
ticket sanitari

01 giugno 2009

In un'Italia sempre più diversificata dal punto di vista dell'assistenza sanitaria, la quota da pagare sul prezzo dei medicinali, ovvero il ticket, cambia notevolmente da Regione a Regione.

Abbiamo preso in considerazione la storia di un paziente alle prese con una tonsillite, cercando di capire quanto potrebbe spendere per curarsi con un antibiotico, a seconda della città in cui vive e della scelta che fa in farmacia. E abbiamo scoperto, ad esempio, che nel Lazio paradossalmente può arrivare a spendere più di ticket che di medicinale.

Ticket, un balzello per 10 Regioni
Eliminato nel 2000 e reintrodotto a partire dal 2002, il ticket è attualmente utilizzato in 10 Regioni, più la Provincia autonoma di Bolzano. A differenza del passato, quando il balzello si applicava alla ricetta, oggi invece si paga sulla singola confezione di medicinale. Ma con grande variabilità tra le Regioni. Il suo importo può variare a seconda del prezzo del farmaco, in alcuni casi è inferiore per i generici e/o per alcune maalattie e per categorie di cittadini.

Il generico conviene sempre
Risparmiare sui medicinali si può. Ogni anno scadono nuovi brevetti di farmaci e aumenta così la lista dei principi attivi che diventano generici e per i quali viene fissato un prezzo di riferimento. Uguali, con la stessa efficacia, ma più convenienti. Nonostante questo, la scelta del generico stenta a decollare.


Stampa Invia