Speciali

Quali sono e come funzionano i contraccettivi in commercio

16 giugno 2016
pillola

16 giugno 2016

Ecco una panoramica di tutti i metodi contraccettivi, ormonali e no. Per ognuno, vi diciamo di cosa si tratta, come funziona, quanto è efficace e i suoi vantaggi e svantaggi.

Come funziona la pillola ormonale

Che cos'è

Si tratta di una pillola che contiene due ormoni (estrogeni e progestinici) sia in forma combinata (nella stessa dose tutti i giorni, la pillola monofasica), sia in dosi diverse a seconda della fase del ciclo (pillola bifasica - quando l'estrogeno è a dosaggio fisso e il progestinico viene assunto in due dosaggi differenti. Trifasica quando gli ormoni sono associati in 3 dosaggi). Esistono differenti tipi di pillole a seconda della natura degli ormoni di sintesi utilizzati e dei loro dosaggi. Generalmente si consiglia l’uso di pillole con la dose più bassa possibile di estrogeni. Esiste in commercio una tipologia che contiene solo progestinico e si usa durante l’allattamento o in presenza di controindicazioni all’uso di estrogeni.

Come funziona

La pillola impedisce l'ovulazione, ispessisce il muco cervicale rendendo più difficile l'ingresso delle sperma e modifica l'endometrio riducendo la recettività uterina.

Efficacia

La pillola, se usata correttamente, è il metodo contraccettivo più sicuro. La prima pillola va presa il primo giorno del ciclo mestruale e poi si continua con una pillola al giorno, da assumere preferibilmente alla stessa ora, per i successivi 20 giorni. Il 22° giorno inizia una pausa di 7 giorni nella quale dovrebbe avere luogo la mestruazione. Se si ritarda di oltre 12 ore l'assunzione o se si manifesta una violenta diarrea o vomito entro due ore dall'assunzione, si considera quella pillola mancata e la donna non è più protetta. Si dovranno perciò utilizzare anche contraccettivi di barriera fino al ciclo successivo. Alcune pillole prevedono l’assunzione continuativa (per 28 giorni) e contengono quindi alcuni confetti “vuoti”, privi di ormoni, in genere distinti con un colore diverso. La dimenticanza di questi confetti (placebo) non comporta alcuna conseguenza sulla sicurezza contraccettiva.

Vantaggi

È efficace e reversibile. Può avere benefici effetti quali: diminuire il flusso e i dolori mestruali, migliorare l'acne, proteggere dal cancro alle ovaie e all'endometrio.

Svantaggi

È un contraccettivo che va assunto tutti i giorni e c'è il rischio di dimenticarlo. Non protegge da malattie sessualmente trasmissibili. Tra gli effetti indesiderati si registrano: piccole perdite di sangue (spotting) tra un ciclo e l'altro, nausea, calo della libido, tensione mammaria. Alcune pillole sono rimborsate dal servizio sanitario nazionale, altre no, secondo criteri non sempre chiari.

Rischi

La pillola è controindicata nelle donne che hanno una predisposizione a sviluppare trombosi venosa, infarto o ischemia cerebrale. È controindicata perciò anche nelle donne che fumano e che sono ipertese. Per questi motivi la scelta della pillola più adatta deve essere sempre fatta con il proprio medico o il proprio ginecologo. Va ricordato che il rischio di trombosi venosa diminuisce se la pillola anticoncezionale contiene dosi sempre più basse di etinilestradiolo (il nome scientifico dell'estrogeno) e che le pillole che contengono levonorgestrel (il nome scientifico del progestinico), sono quelle da più tempo in commercio e sono anche le più sicure e con meno rischi per la salute.