News

BancoPosta click 2 per tutto il 2010

25 novembre 2009

25 novembre 2009

Il tasso d'interesse del conto BancoPosta click sarà confermato al 2% lordo per tutto il 2010. Si tratta di una novità che, per chi usa il conto solo per gestire incassi e pagamenti, rende BancoPosta click un prodotto interessante.

Il tasso d'interesse del conto BancoPosta click sarà confermato al 2% lordo per tutto il 2010. Si tratta di una novità che, per chi usa il conto solo per gestire incassi e pagamenti, rende BancoPosta click un prodotto interessante.

2% lordo tra 3.000 e 30.000 euro
Poste Italiane allunga la promozione sul conto BancoPosta click: il tasso sarà del 2% annuo lordo (1,46% netto) sulle somme comprese tra 3.000 e 30.000 euro anche per tutto il 2010. Gli interessi saranno pagati una volta sola il 31 dicembre 2010: per averli dovrete mantenere il conto aperto almeno fino a questa data. Le altre caratteristiche del conto restano le stesse: il conto si usa fondamentalmente solo per gestire incassi e pagamenti (pagamento bollette, invio bonifici, consultazione estratto conto…). Queste operazioni, se fatte via internet non costano nulla, se fatte allo sportello costano 3 euro l'una. Chi apre il conto entro la fine del 2009 non paga i 3 euro per il carnet assegni. Per gli investimenti, online si possono acquistare solo buoni postali fruttiferi, prodotti strutturati e fondi delle Poste. Oltre ai prodotti delle Poste è possibile comprare anche titoli di Stato, bond e azioni quotate a Milano: per farlo, però, bisogna rivolgersi direttamente agli uffici postali.

Interessante per chi non ha esigenze particolari
Abbiamo detto che il conto è rivolto a chi lo usa solo per gestire incassi e pagamenti. Ma è anche interessante? Secondo noi, sì, sulla base dei calcoli che abbiamo fatto ipotizzando il seguente caso: risparmiatore sposato, con casa di proprietà, 4.000 euro in giacenza sul conto, nessuna carta di credito, nessun investimento, che usa il conto via internet. Se apre il conto oggi, spenderà in un anno con BancoPosta click 19,6 euro. Non è il conto migliore: in una classifica di convenienza redatta su oltre 300 conti correnti italiani, si piazza al settimo posto. Ma è comunque un risultato più che onorevole: tenete presente, infatti, che ai primi tre posti della classifica si collocano, nell'ordine, Conto oro spese zero del Credito di Romagna (si incassano 2,2 euro in un anno), Conto corrente arancio di Ing direct (0 euro all'anno) e TrepuntoZero della Banca popolare di Marostica (si pagano 4,35 euro in un anno). Le banche che offrono il primo e il terzo conto hanno pochi sportelli e solo in alcune zone d'Italia (rispettivamente, la Romagna e il Veneto), mentre il secondo conto può essere aperto solo da chi ha già il Conto arancio, il conto deposito.

Diventa caro se le operazioni aumentano
Anche in virtù del tasso garantito per tutto il 2010, BancoPosta click può essere, quindi, una soluzione per chi non ha esigenze sofisticate nell'utilizzo di un conto corrente. Va chiarito che dopo il 2010 non è detto che il conto rimanga così interessante, la promozione sul tasso potrebbe, infatti, essere variata. È invece da sconsigliare per tutti gli altri risparmiatori: se lo stesso risparmiatore vuole fare in un anno due compravendite da 5.000 euro ciascuna in titoli di Stato, spenderà 108,8 euro (con l'obbligo, tra l'altro, di fare gli investimenti presso gli uffici postali). Il conto è al 27° posto della classifica di convenienza. Con Conto corrente arancio, il miglior conto corrente per questo profilo, si spende la metà (53,2 euro in un anno).


Stampa Invia