News

Carte You&Eni: un bis interessante

28 agosto 2013

28 agosto 2013

Abbiamo analizzato le carte prepagate e la carta di credito di Eni. Promossa la versione base della prepagata per lo shopping online e la carta di credito è tra le più convenienti.

Prepagata base: va bene per lo shopping online
Le due carte prepagate che abbiamo analizzato sono emesse dall’Istituto centrale delle Banche Popolari e si possono usare sul circuito Mastercard e Paypass. Non è necessario cambiare conto corrente e servono anche come carte fedeltà permettendo di accumulare punti You&Eni nelle stazioni Agip ed Eni e pagando con la carta in qualsiasi negozio del circuito Mastercard, anche online. 
Dal punto di vista grafico, le due carte sono identiche, ma hanno caratteristiche diverse.
La You&Eni prepaid base ha un massimale di spesa annua pari a 2.500 euro, un costo di attivazione di 3,50 euro incluso nella prima ricarica che deve avvenire in contanti in una stazione a marchio Agip o Eni. Il costo di ricarica è di un euro nelle stazioni di rifornimento. Il costo aumenta se si fa nelle ricevitorie Sisal (2,50 euro), con bonifico bancario (2 euro), via Atm QuiMultibanca (2,50 euro), online dal sito www.cartasi.it e se si è già titolari di una Cartasì (2 euro). Il prelievo contante costa in Italia e area Sepa 2 euro. La commissione aggiuntiva sul tasso di cambio è del 2%. Dal confronto con le altre prepagate sul mercato, You&Eni è tra le più convenienti se si usa per fare shopping nei negozi virtuali (insieme a EPostepay e a Carta Jeans della Banca popolare di Milano). Infatti, se consideriamo un uso solo online della carta (con sole sei ricariche nell’anno) il costo è di 8,50 euro nell’anno dell’attivazione e 6 euro dopo. Diventa meno appetibile per chi ne fa un uso più complesso (7 ricariche, 6 prelievi Atm in Italia e area euro, l’uso in valute extraeuro per 200 euro): il costo diventa 30,50 euro nell’anno dell’attivazione e 27,50 euro dopo. Così nella nostra classifica scende al 19esimo posto.

Prepagata con contratto: un massimale troppo alto
La You&Eni prepaid contrattualizzata ha un massimale di spesa annua pari a 12.500 euro. Costo di attivazione di 3,50 euro incluso nella prima ricarica che deve avvenire via bonifico dal conto corrente del titolare della carta. Il costo di ricarica è di 1 euro nelle stazioni Agip ed Eni. Può avvenire anche presso le ricevitorie Sisal (costo 2,50 euro), per bonifico bancario (costo 2 euro), via Atm QuiMultibanca (2,50 euro), online dal sito www.cartasi.it se si è già titolari di una Cartasì (2 euro). Il prelievo contante costa in Italia e area euro 2 euro, diventa 4 euro per prelievi contanti in area extraEuro. La commissione aggiuntiva sul tasso di cambio è del 2%.

You&Eni Credit: una carta di credito conveniente
Emessa da Cartasì, si può acquistare anche senza cambiare conto corrente. Per il nostro profilo classico di utilizzo (12 estratti conto di valore superiore ai 77,47 euro, spending annuo 4.500 euro, 1 utilizzo extraUem per 200 euro e 1 prelievo extraUem di 100 euro)  la carta costa 45,52 euro l’anno (con estratto conto online 33,16 euro l’anno).  E’ la scelta migliore per tutti coloro che non hanno caratteristiche particolari (come essere correntisti Webank, Fineco, Ing Direct o Websella). Per chi è socio Altroconsumo è preferibile la carta Altroconsumo che costa 15,52 euro l’anno, che diventano  7 euro l’anno con estratto conto online.
Si può usare nei negozi convenzionati con il circuito Mastercard e per pagare il carburante nelle stazioni Eni, il che fa accumulare il doppio dei punti You&Eni. Si accumulano punti You&Eni anche per i pagamenti nei negozi del circuito Mastercard. La carta è utilizzabile anche per acquisti contactless di valore massimo di 25 euro nei negozi aderenti al circuito Paypass.
Il canone della carta è gratuito il primo anno e poi passa a 18 euro che non si pagano se nell’anno si sono fatti acquisti con la carta per almeno 1.000 euro. L'estratto conto cartaceo costa 1,03 euro, costo che si annulla con l’invio online. Per ogni estratto conto di valore superiore ai 77,47 euro è dovuta l’imposta di bollo di 2 euro. Non è prevista nessuna commissione carburante.


Stampa Invia