News

Pagare online sicuri con la carta di credito

01 settembre 2009
Pagare online sicuri con la carta di credito

01 settembre 2009

Se avete una carta di credito usatela per lo shopping online è il mezzo migliore sia in termini di sicurezza sia di costi, basta seguire qualche accorgimento.
Basta tenere sotto controllo l'estratto conto della carta di credito e contestare tempestivamente eventuali addebiti fraudolenti (o errati), per non rischiare nulla. Infatti, la legge fa ricadere il rischio sul commerciante, quindi, in caso di frode questi non solo perde la merce, ma anche i soldi del pagamento che gli vengono riaddebitati dalla società emittente la carta. Al cliente basta contestare gli addebiti fraudolenti per poter rientrare in possesso del denaro.

Paypal, Bankpass web, Postepay…: come si paga su 64 siti
Per capire quali sono i sistemi di pagamento più frequenti sul web abbiamo fatto shopping in 64 siti. Sono diverse le alternative alla carta di credito proposte da emittenti ed esercenti. Soluzioni sempre più diffuse che si presentano come portatrici di maggiore sicurezza, studiate ad hoc per placare i timori di chi vuole comprare nei negozi virtuali, ma non vuole digitare i numeri della sua carta di credito. Non tutte sicure come si pubblicizzano e spesso con un costo che ricade su chi compra.

Blocco carte smarrite o rubate: i numeri verdi funzionano
La voce dell'operatore che risponde al numero verde per il blocco della carta in caso di smarrimento o furto non solo ci conforta, ma è anche efficiente. Abbiamo messo alla prova il servizio clienti dei principali enti emittenti e dei circuiti con risultati confortanti. Se ci si accorge di utilizzi fraudolenti della carta oppure si perde o viene rubata la prima cosa da fare è chiamare il numero verde (o fisso se siete all'estero) per bloccare la carta. E' il primo passaggio per mettersi al sicuro, poi bisogna fare la denuncia alle Autorità e la raccomandata a/r all'emittente.

Se c'è il logo, la carta non si può rifiutare
Al momento del pagamento ci sono negozianti che storcono il naso quando si paga con carta di credito soprattutto se la cifra è contenuta e c'è chi si spinge oltre e mette un cartello accanto alla cassa con scritto che chi paga con carta di credito deve pagare una commissione. Potete segnalare il comportamento scorretto al circuito emittente della carta che può revocare la convenzione all'esercente. Infatti, questi non rispetta il contratto di convenzionamento che lo obbliga ad accettare sempre in pagamento le carte senza chiedere prezzi differenti a seconda del mezzo di pagamento utilizzato.

Dall'Europa è arrivata una direttiva oramai recepita fin dal 2010 che impedisce ai negozianti di chiederci una spesa aggiuntiva se tiriamo fuori dal portafoglio la moneta di plastica. Certo ci sono sempre i furbetti; nel caso vi chiedano spese per pagare con carta fate una segnalazione all'Antitrust (www.agcm.it)  


Stampa Invia