News

Social Card ce tempo fino al 30 aprile per chiedere gli arretrati

12 marzo 2009

12 marzo 2009

È stata prorogata al 30 aprile 2009 la scadenza per chiedere la Social card con caricati gli arretrati dei mesi da ottobre 2008 a febbraio 2009, per un totale di 200 euro.

Una delle principali novità contenute nel Decreto con il quale i ministeri dell'Economia e del Lavoro hanno ridisegnato alcune regole per ottenere la Social card pensata per i meno abbienti è quella di prorogare la scadenza per la richiesta della tessera con caricati gli arretrati dei mesi da ottobre 2008 a febbraio 2009, per un totale di 200 euro, al 30 aprile 2009.

Si è anche deciso che l'accredito degli 80 euro a bimestre sarà fatto direttamente nel bimestre in corso al momento della richiesta, mentre prima avveniva nel bimestre successivo. Quindi si accorciano i tempi per ottenere i soldi. Inoltre, viene meglio specificato che le verifiche saranno fatte sulla documentazione presentata, prima del rilascio della tessera, così, magari, si riesce ad evitare il problema delle tessere vuote che si è verificato nei mesi scorsi con non poca indignazione e imbarazzo da parte di chi si è visto negare la possibilità di pagare la spesa già fatta passare sul nastro trasportatore della cassa.

Redditi aggiornati ogni anno
Altra novità: i limiti di reddito fissati devono essere aggiornati annualmente a partire dal 2009, attraverso la percentuale di maggiorazione che viene prevista ogni anno per l'aggiornamento automatico delle pensioni. Prossimamente saranno resi noti i nuovi importi tramite circolare. Non aspettatevi troppo: queste percentuali generalmente si aggirano attorno al 3%. Fortunatamente è stato eliminato il vincolo dell'incapienza che era stato fissato in precedenza, quando per gli "over 65" era prevista la possibilità di chiedere la card solo a condizione che avessero un'imposta netta pari a zero: ora questo vincolo non c'è più. Certo, ce ne sono comunque altri (in termini di reddito, immobili posseduti e Isee) per cui questa novità forse estenderà la possibilità di chiedere la tessera solo a pochi italiano in più.

Anche in farmacia
Ora è possibile utilizzare la social card anche in farmacia per l'acquisto di farmaci e parafarmaci. Così come in tutti i negozi di prodotti alimentari e supermercati che utilizzano il circuito Mastercard. In più, quelli che espongono la locandina concedono uno sconto sui prodotti acquistati e pagati con questo strumento.

Ultima novità: prossimamente, tramite protocolli d'intesa con il ministero, anche Regioni e Province autonome potranno versare contributi al fondo per la carta acquisti e vincolare l'utilizzo di questi soldi esclusivamente per usi a favore dei propri residenti.


Stampa Invia