News

Azioni di Enel green, in Borsa troppo care

20 ottobre 2010
Azioni di Enel green, in Borsa troppo care

20 ottobre 2010

Non vale la pena sottoscrivere le azioni della società Enel green power, vendute a caro prezzo. E le mancate prenotazioni da parte degli investitori istituzionali hanno fatto scendere dell'11% il prezzo minimo.

Non conviene: lo dicono le nostre analisi
I nostri colleghi di Soldi Sette hanno analizzato per il titolo e hanno visto che è caro e al prezzo cui viene offerto non conviene aderire.
Enel green power è la società del gruppo Enel che si occupa della produzione di energia da fonti rinnovabili: acqua, vento, calore terrestre, sole e rifiuti. Enel sta collocando in Borsa circa il 30% della società: l'operazione non porta soldi nella casse di Enel green power, ma solo in quelle di Enel, che li userà per ridurre il proprio debito.

Entro il 29 ottobre
Il prezzo di quotazione sarà tra un minimo di 1,8 euro e un massimo di 2,1 euro. Abbiamo esaminato il prospetto e, con un utile atteso di 0,09 euro per il 2010 e di 0,1 euro per il 2011, il titolo risulta caro sia al prezzo minimo, sia a quello massimo di offerta. Per questo il meccanismo della bonus share (1 azione gratis ogni 20 date a chi le manterrà per almeno un anno) non basta a rendere l'operazione interessante. Il periodo di sottoscrizione è fino al 29 ottobre 2010 e il lotto minimo è 2.000 azioni (controvalore fra i 3.600 e i 4.200 euro).


Stampa Invia