Attenzione a

Banca Base blocca i conti ai clienti per alcuni giorni

Banca Base blocca i conti fino al 13 aprile 2018. I clienti hanno tuttora limitazioni: possono pagare con Pos e prelevare presso gli Atm massimo 250 euro, ma il denaro accreditato dopo il 14 febbraio (per esempio stipendi e pensioni) sono esclusi dal blocco dei pagamenti. Ecco cosa possono fare i correntisti.

15 marzo 2018
banca base

Banca Base, con Provvedimento proposto da Banca d’Italia, è in amministrazione straordinaria. Per questo i correntisti sono in una situazione critica: possono pagare tramite Pos e prelevare agli sportelli Atm massimo 250 euro, ma il denaro accreditato dopo il 14 febbraio (per esempio stipendi e pensioni) sono esclusi dal blocco dei pagamenti. I titoli, invece, di proprietà della clientela in deposito presso la banca, sono stati sbloccati. Gli amministratori straordinari avrebbero potuto avvertire con anticipo gli utenti dell’imminente blocco, ma l’unica comunicazione fornita dagli organi della banca è un comunicato stampa e un sms a blocco avvenuto. Peraltro il provvedimento è stato preso nello stesso giorno in cui è partita l’Amministrazione controllata.

Cosa fare ora

Nonostante il parziale sblocco dei conti, il consiglio, se sei cliente di Banca Base, è di aprire un nuovo conto corrente su cui far accreditare stipendio e pensione, far transitare le domiciliazioni delle bollette e i pagamenti di rate di mutui o prestiti o degli estratti conto delle carte di credito. Nel nostro calcolatore puoi inserire le tue esigenze e trovare il conto corrente più adatto a te, oltre che a cercare quali sono le banche più affidabili. In seguito all’adozione del provvedimento di Banca d’Italia abbiamo sospeso il nostro giudizio su Banca Base.

Le conseguenze della crisi

Ricordiamo che in caso di liquidazione coatta amministrativa, i correntisti sarebbero protetti attraverso l’intervento del Fondo interbancario dei depositi che risarcisce ogni depositante della banca fino a un massimo di 100.000 euro. I titolari di strumenti finanziari li riavranno indietro. Gli azionisti della banca, invece, sopporteranno interamente la perdita.