News

Mps: rischio buco da 4 miliardi. Cosa fare per evitare brutte sorprese

04 aprile 2016

04 aprile 2016

Monte del Paschi di Siena potrebbe registrare perdite superiori ai 4 miliardi, cioè vicine alla metà del suo patrimonio attuale. Per questo abbiamo sospeso la valutazione sulla sua affidabilità e solidità. Ti spieghiamo cosa è meglio fare se sei un cliente di MPS.

Monte dei paschi di Siena non naviga da tempo in buone acque, si sa. Tuttavia avevamo sempre valutato l'affidabilità della banca con quattro stelle, ovvero reputandola una banca in grado di far fronte tranquillamente ai crediti problematici. Ma proprio sul reale valore di questi ultimi si è creata di recente una grossa incognita. Se fossero valutati i crediti problematici di Mps con lo stesso metro utilizzato di recente per valutare quelli di Carige (un'altra banca in difficoltà), potrebbero valere molto meno di quello che la banca ha sempre dichiarato. Questo causerebbe perdite superiori ai 4 miliardi, cioè vicine alla metà del suo patrimonio attuale. Questo è il motivo per cui abbiamo deciso di sospendere il giudizio sull'affidabilità di Mps. Ma cosa comporta questo? E cosa consigliamo di fare a correntisti, azionisti, obligazionisti e a chi ha un mutuo aperto con questo istituto di credito? 

Hai un conto corrente? Inizia a valutare altro

La domanda che si pongono i clienti è: se ho un conto corrente o un conto deposito presso Mps, rischio qualcosa? In teoria no, almeno per i conti nei limiti dei 100.000 euro tutelati dal fondo interbancario di tutela dei depositi. Se sul conto ha quindi meno di 100.000 euro, non è quindi il caso di correre a chiudere tutto, specialmente se hai aperto un conto deposito vincolato che ti obbliga a rinunciare agli interessi in caso di chiusura anticipata. Valuta, però, la possibilità di passare a un’altra banca: non c'è motivo di rimanere legato a una banca “traballante”. Scegliendo il conto corrente più adatto alle tue esigenze, puoi stare più sicuro e allo stesso tempo risparmiare. Fatti aiutare dal nostro servizio online per cercare quello più conveniente. Discorso diverso per chi ha sul conto più di 100.000 euro: in questo caso valuta di diversificare il deposito, spalmando la cifra su più conti. Anche in questo caso ti puossono essere utili i nostri servizi online per scegliere i conti correnti e i conti deposito più convenienti.  

Per chi ha un mutuo non cambia niente

Se hai già aperto un mutuo presso Mps, le condizioni del tuo prestito sono già state fissate e non cambieranno fino alla scadenza. Anche per i mutui a tasso variabile, gli interessi dipendono in genere da parametri “esterni” alla banca (il tasso euribor, il tasso ufficiale della Bce…): non conosci quanto pagherai nei prossimi anni, ma sarà lo stesso importo che avresti pagato anche nel caso in cui Mps non avesse avuto problemi. Se invece non hai ancora acceso un mutuo, ti consigliamo di valutare altre alternative: è più probabile trovare alternative migliori in altre banche.

Meglio vendere subito le azioni

Discorso diverso per gli azionisti. Il nostro consiglio è quello di vendere subito: ci sarà poi tempo per valutare se riacquistare a prezzi più bassi o stare alla larga da questi titoli. La sospensione della nostra valutazione di affidabilità non significa che la tua banca sta per fallire, ma è comunque un segnale d’allarme: con la nuova normativa eurpea (bail in), il rischio è che i debiti di una banca vengano coperti azzerando il valore proprio delle azioni.

Turbolenze in vista per le obbligazioni

Anche le obbligazioni emesse dalla banca pagheranno le conseguenze delle notizie negative: il maggior rischio si riflette in rendimenti più elevati, e quindi in un calo dei prezzi per chi, i bond, li ha già in portafoglio. È il caso di correre a venderli? Noi consigliamo già da tempo di venderli (i bond bancari sono diventati più rischiosi con dell’introduzione della nuova normativa europea).

I conti titoli sono al sicuro

Oltre al conto corrente, hai anche un conto titoli su cui hai depositato azioni e obbligazioni diverse da quelle della tua banca, oppure fondi? Su questo fronte, non ci sono grossi problemi: questi titoli sono di tua proprietà, non della banca, e non potranno in alcun modo essere utilizzati per ripagare i suoi debiti. Il fatto di avere un conto titoli, tuttavia, può rallentare la procedura di chiusura del conto, nel caso decidessi di cambiare banca. Tienine conto se decidi di muoverti in questa direzione.


Conto corrente: trova il migliore


Conto deposito: trova il più conveniente


Mutuo: trova quello che fa per te


Stampa Invia