News

Conti correnti MPS ceduti a Widiba. Cosa cambia?

Dal 9 dicembre circa 60.000 correntisti di Monte dei Paschi di Siena hanno visto il proprio conto migrare in Widiba. L'operazione, che riguarderà 500.000 clienti, non comporterà costi extra, almeno in questa prima fase. Vediamo cosa cambia.

  • contributo tecnico di
  • Anna Vizzari
  • di
  • Roberto Usai
29 dicembre 2017
  • contributo tecnico di
  • Anna Vizzari
  • di
  • Roberto Usai
Conti MPS ceduti a Widiba

A partire dallo scorso 9 dicembre 2017, circa 60.000 correntisti di Monte dei Paschi di Siena hanno visto il proprio conto corrente trasformarsi in un conto Widiba, la banca online del gruppo MPS. La prima fase di questa operazione che riguarderà in totale 500.000 correntisti ha coinvolto in primis i clienti che effettuano prevalentemente operazioni online, hanno una bassa giacenza media sul conto e bassi costi di conto corrente. Gli interessati hanno già ricevuto la comunicazione in forma cartacea o, se così non fosse, la comunicazione potrebbe essere tra i documenti online dell'home banking. Tecnicamente l'operazione è una cessione e, secondo quanto previsto dal Testo unico bancario, deve essere comunicata ai clienti 30 giorni prima dell'effettiva migrazione del conto. Chi rientra nella prima tranche, perciò, dovrebbe aver ricevuto la comunicazione da parte della banca entro il 9 novembre 2017

Cosa cambia per i correntisti?

La conseguenza principale di questa cessione riguarda la modifica del codice Iban. Questo significa che per gli addebiti diretti come le bollette o le rate del mutuo saranno necessarie nuove autorizzazioni, stesso discorso per i bonifici in entrata come per l'accredito di stipendi o pensioni. Gli addebiti e i bonifici ricorrenti, invece, saranno trasferiti automaticamente dal conto di Monte dei Paschi di Siena a quello Widiba. Per addebiti e bonifici non ricorrenti, invece, sarà il cliente a dover informare la controparte del nuovo codice, per recuperare le nuove coordinate puoi andare direttamente sul tuo home banking (le credenziali rimangono le stesse) oppure richiederle al servizio clienti chiamando il numero verde 800 225577. Sia le carte di credito che quelle di debito emesse da MPS potranno essere usate ancora ma, alla scadenza potrebbero non essere rinnovate. Fino al 15 gennaio 2018 potranno essere utilizzati anche gli assegni in possesso del cliente, dopo questa data sarà invece necessario richiedere un nuovo libretto a Widiba. Il deposito titoli non subirà variazioni e sarà possibile continuare a fare prelievi su sportelli ATM MPS ai vecchi costi

La cessione comporta costi extra?

Al momento le condizioni economiche del conto non cambieranno. Nei prossimi mesi, però, Widiba potrebbe decidere di modificarle, seguendo quanto previsto dal Testo unico bancario e, quindi, comunicando un giustificato motivo con un preavviso di almeno 60 giorni dall'entrata in vigore delle nuove condizioni. 

Si potranno fare ancora operazioni allo sportello?

Sì, anche dopo la cessione per i vecchi correntisti Monte dei Paschi di Siena sarà possibile recarsi in qualsiasi filiale MPS per fare operazioni fisiche. Allo sportello continueranno quindi a essere disponibili il versamento dei contanti o assegni, bonifici, ricariche prepagate, pagamento F23 e F24, prelievo di contanti, emissione di assegni circolari e pagamenti di bollettini convenzionati. Le cassette di sicurezza e i libretti di risparmio non verranno ceduti, resteranno quindi nella filiale MPS d'origine.

Non sei soddisfatto? Cambia banca

Ricorda che se non sei convinto di questa cessione, non sei soddisfatto delle nuove condizioni, oppure vuoi cambiare banca perché hai trovato un'alternativa più conveniente, puoi farlo in qualsiasi momento. Confronta i conti correnti e scegli quello più adatto alle tue esigenze. Tieni presente che, grazie alla portabilità semplice, il trasferimento deve avvenire in massimo 12 giorni lavorativi. Se i tempi dovessero prolungarsi, hai diritto a un risarcimento fisso di 40 euro e a un rimborso che varia in base alla giacenza di conto e ai giorni di ritardo.

Ricorda che, se i tempi non vengono rispettati, o se qualcosa non va per il verso giusto, puoi reclamare contro la banca. Invia un reclamo direttamente online, puoi anche scegliere di farti aiutare da uno dei nostri legali.

Invia un reclamo


Stampa Invia