News

Obbligazioni Enel collocamento chiuso in anticipo

12 febbraio 2010

12 febbraio 2010

Enel lancia due emissioni obbligazionarie riservate ai piccoli risparmiatori: una è a tasso fisso e l'altra a tasso variabile. Quest'ultima non è interessante. La prima non è male, ma sul mercato si trova di meglio.

 Collocamento chiuso in anticipo (il 19 febbraio anziché il 26) per le molte richieste ricevute.

Investimento minimo: 1.000 euro
Da lunedì 15 febbraio fino al 19 febbraio è stato possibile sottoscrivere le nuove obbligazioni a tasso fisso Enel TF 2010-2016 e quelle a tasso variabile Enel TV 2010-2016, entrambe della durata di 6 anni. L'investimento minimo è di 2.000 euro, pari a due obbligazioni da 1.000 euro. Entrambi i bond, terminato il processo di collocamento, verranno quotate a Piazza Affari sul segmento Mot.

Le cedole, e il prezzo di collocamento del bond a tasso fisso, non sono note. Basandoci sulle indicazioni fornite nel prospetto informativo abbiamo però fatto delle ipotesi (i dettagli sono in nota alla tabella).

Tasso fisso: dal 2,86% al 3,87% netto
Nel migliore dei casi, prezzo di collocamento pari a 99,1 e cedola lorda del 4,25%, il bond renderà il 3,87% netto dalle tasse (4,42% lordo). Nella peggiore delle ipotesi, prezzo di collocamento pari a 99,9 e cedola lorda del 3,25%, il rendimento netto sarà pari al 2,86% netto (3,27% lordo). Non ci sono commissioni di sottoscrizione. Qual è il rendimento più probabile? Secondo noi, tenendo conto del fatto che probabilmente la domanda sarà elevata, dovrebbe essere intorno al 3,3% netto (3,78% lordo). Vale la pena?

La durata non è un problema: è solo di poco inferiore a quella che consigliamo per le obbligazioni in euro (7-10 anni). E come rendimento? Secondo l'agenzia Moody, Enel ha un rating - giudizio sull'affidabilità del pagatore - di A2 (il nostro "discreta"). È lo stesso rating dello Stato greco i cui titoli di Stato a 6 anni rendono ancora oggi, nonostante le voci di "salvataggio" il 4,89%: ben più di quanto il bond Enel possa rendere nella migliore delle ipotesi. Chi non ha già titoli greci per il 20% del portafoglio, compri questi ultimi e lasci stare l'obbligazione Enel.

Gli altri possono invece sottoscriverla. Il rendimento è superiore o in linea con quello di bond di pari scadenza di società con rating lievemente inferiore a Enel: le obbligazioni di Atlantia, Veolia e A2A (A3 secondo Moody) rendono acquistate sul mercato, rispettivamente il 2,96%, 2,92% e 3,55% netto da tasse e spese d'acquisto dello 0,5%. Un BTp di pari durata rende il 2,60% netto (il rating dello Stato è "ottimo"). Inoltre l'obbligazione Enel con scadenza settembre 2016 scambiata a Piazza Affari, se acquistata oggi, al netto di tasse e commissioni d'acquisto, rende il 3,03% (investimento minimo 50.000 euro). Ricordatevi di andare in banca al più presto: il periodo di sottoscrizione, in caso di elevata domanda, potrebbe essere accorciato.

Tasso variabile: una scommessa sull'euribor
Sconsigliamo invece di sottoscrivere l'obbligazione a tasso variabile. Il bond staccherà una cedola semestrale pari al tasso euribor a 6 mesi, oggi l'1%, più un extra rendimento tra lo 0,65% e l'1,25%. Per chi vuole tenerla per 6 anni, il rendimento, facendo un'ipotesi di crescita del tasso euribor dello 0,2% ogni semestre, dovrebbe essere in linea con quello del BTp, che però vi garantisce quel rendimento.

Un investimento a tasso variabile va però valuatato sul breve periodo, quello di durata delle cedole: 6 mesi. Anche in questo caso il bond Enel non è interessante. Il rendimento, tenendo conto che dovrete rivenderlo sul mercato pagando quindi le commissioni bancarie, sarà intorno, proprio ad andar bene, allo 0,5% netto. Pur non considerando i conti deposito che offrono tassi promozionali per nuovi clienti, sul mercato c'è di meglio: il Rendimax vi offre sulla stessa durata un rendimento dello 0,81%. È vero che questo tasso lo decide la banca, ma bene o male segue sempre l'andamento del mercato. È vero che Banca Ifis, che è dietro al Rendimax, ha un rating inferiore a quello di Enel, ma comunque siete coperti dal fondo interbancario di tutela dei depositi fino a 103.291,38 euro. Inoltre tenente conto che col conto di deposito prelevate e versate quando volete senza spese.

ENEL A TASSO FISSO: IPOTESI DI RENDIMENTO
Cedola lorda presunta Prezzo di collocamento: 99,1 Prezzo di collocamento: 99,5 Prezzo di collocamento: 99,9
3,25% 2,99% 2,92% 2,86%
3,45% 3,16% 3,1% 3,03%
3,55% 3,25% 3,19% 3,12%
3,65% 3,34% 3,27% 3,21%
3,75% 3,43% 3,36% 3,29%
3,85% 3,52% 3,45% 3,38%
3,95% 3,6% 3,54% 3,47%
4,05% 3,69% 3,62% 3,56%
4,25% 3,87% 3,8% 3,73%

Rendimenti annui netti da tasse. La cedola lorda presunta è stata calcolata facendo tre ipotesi di tasso mid swap a 6 anni: 2,8% (valore attuale), 2,6%, 3%. A ciascuna di queste tre ipotesi è stato sommato il valore massimo, minimo e intermedio del margine di rendimento aggiuntivo definito per l'emissione, rispettivamente lo 0,65%, 0,95% e 1,25%. Il prospetto informati-vo precisa che il prezzo di collocamento sarà compreso tra 99 e 100.

Visita il sito www.soldi.it


Stampa Invia