News

Scadenze fiscali: un dicembre di tasse

27 novembre 2014

27 novembre 2014

Tasi, Imu, Irpef, Iva, cedolare secca e Tari: dal 1° al 29 dicembre ci aspetta un mese di tasse da pagare. Ecco tutte le scadenze entro le quali dobbia versare il dovuto al fisco. Per sapere quanto versare di Imu e Tasi puoi usare il nostro servizio online. E se sei socio c'è la nostra consulenza fiscale a tua disposizione.  

A dicembre lo Stato batte cassa. Scadono infatti i termini per saldare le imposte sulla casa, ma non solo. Per i lavoratori autonomi è anche tempo di acconti Irpef e IVA. Ricapitoliamo insieme tutte le scadenze.

1° Dicembre

  • Cedolare secca. Se sei proprietario di un immobile e lo hai concesso in locazione ad uso abitativo in regime di cedolare secca (che sostituisce Irpef, relative addizionali sui canoni di locazione, imposte di registro e di bollo) devi versare il secondo o unico acconto (se l’importo è inferiore a 257,52 euro) entro il 1˚ dicembre. Ricorda: se è il primo anno in cedolare sei esonerato dal versare acconti. 
  • Irpef. Se sei un lavoratore autonomo soggetto all’Irpef, ricordati di versare l’acconto entro il 1° dicembre. 

16 Dicembre

  • Tasi. Sia che il tuo Comune abbia deliberato le aliquote Tasi entro maggio (con scadenza della prima rata a giugno), sia che abbia deliberato entro settembre (con scadenza della prima rata a ottobre), il 16 dicembre scade il termine per il versamento del saldo, che sarà di importo pari all’acconto. Devono pagare la Tasi entro il 16 dicembre anche i cittadini dei Comuni che non hanno deliberato le aliquote né a giugno né a settembre: l’imposta andrà versata in un’unica soluzione all’aliquota dell’1 per mille.
  • Imu. Il 16 dicembre scade anche la rata di saldo dell’Imu che continua a gravare sugli immobili non adibiti ad abitazione principale e, in ogni caso, su quelli accatastati come A1, A8 e A9. In questo caso però non è detto che il saldo sia pari all’acconto: sono molti i Comuni che hanno approfittato della possibilità di modificare le aliquote entro fine ottobre. Il Consiglio è quindi di controllare sul sito del vostro Comune perché se l’aliquota è aumentata si dovrà operare un conguaglio. Ricorda inoltre che se possiedi un immobile accatastato nelle categorie A1, A8 e A9 e lo utilizzi come abitazione principale, puoi usufruire dell’aliquota ridotta e della detrazione di 200 euro. Aiutati con il nostro calcolatore.

Per calcolare quanto devi pagare di Imu e di Tasi, puoi utilizzare il nostro servizio online, con il quale potrai compilare direttamente anche il modello F24.


Calcola Imu e Tasi

29 Dicembre

  • Iva. Se sei un lavoratore autonomo e versi l’Iva devi pagare l’acconto entro il 29 dicembre.

Altre scadenze

  • Tari. Sempre in tema di imposte sulla casa, bada bene che in alcuni Comuni a dicembre scadrà anche l’ultima rata della Tassa sui rifiuti (ad esempio nel Comune di Milano il saldo scade il 20 dicembre). Controlla le scadenze sul sito del tuo Comune perché ognuno decide per sé.

Ricordati che per qualsiasi dubbio o chiarimento sulle tasse che devi pagare, ai soci Altroconsumo è riservato il nostro servizio di consulenza fiscale, dal lunedì al venerdì dalle 14.00 alle 17.00, semplicemente chiamando il numero 02-6961570.


Stampa Invia