News

Tasse sulla casa quante e quali sono

11 giugno 2013

11 giugno 2013

Comprare casa, si sa, è un salasso. Ma nel budget per l’acquisto bisogna includere anche le tasse da versare allo Stato. Che sono tante e complicate. Ecco quali sono e quanto si paga.

Quanto si prende il fisco?
La compravendita di una casa ha anche costi fiscali. Il Fisco porta a casa l’imposta ipotecaria, quella catastale e quella di registro (o l’Iva se si acquista da una società). Anche il reddito che deriva dalla casa di proprietà non sfugge alle casse statali: Irpef, addizionali Irpef e la cedolare secca sull’affitto sono le imposte che pretende, così come l’Ici, che si basa sul valore dell’immobile e non sul reddito che produce. Chi compra casa, quindi, deve fare bene i conti considerando insieme al prezzo dell’immobile anche tutte le tasse da versare all’Erario. 

Acquisto della casa: meno tasse se compri da un privato
Comprare l’abitazione da un privato comporta un notevole risparmio in termini di tasse. Soprattutto se si chiede al notaio di applicare le imposte sul valore catastale dell’immobile  e non sulla somma effettivamente pagata, che solitamente è più alta. Non solo, in questo caso pagherete anche un 30% in meno sull’onorario del notaio. Questa possibilità di risparmio (vale solo per immobili a uso abitativo, non per terreni, negozi o uffici...) si ha solo se nel rogito è stato indicato il reale prezzo di vendita della casa. Fare i furbi non conviene: se dichiarate meno, in caso di accertamenti del Fisco rischiate non solo di perdere il beneficio, ma anche di pagare una multa che va dal 50% al 100% della differenza tra l’imposta dovuta e quella già versata.


Stampa Invia