News

Inps online

01 settembre 2010
Inps online

01 settembre 2010

I servizi web della pubblica amministrazione stentano a decollare. Ma l'Inps online è fra quelli che funzionano meglio. Anche se non è sempre intuitivo.

Quali servizi?
Diversi i servizi a disposizione di chi si registra e ottiene il pin:

  • ricerca delle cartelle esattoriali, passando sul sito di Equitalia, dove l'utente può verificare la propria posizione debitoria nei confronti del fisco a partire dall'anno 2000;
  • richiedere gratuitamente la propria casella di posta certificata;
  • accedere al proprio fascicolo pensionistico;
  • inviare le domande di prestazione a sostegno del reddito, come la disoccupazione ordinaria, per la quale si trova anche un calcolatore che ne simula l'importo cui l'utente ha diritto;
  • inoltrare la richiesta di invalidità civile;
  • presentare la richiesta di pensione di vecchiaia oppure di anzianità;
  • modificare il proprio indirizzo di residenza;
  • accedere ai servizi dedicati ai datori di lavoro domestico;
  • pagare, direttamente online i contributi volontari, quelli per i servizi domestici o ricongiunzioni e riscatti.
    • Giri tortuosi
      Tutti servizi utili e interessanti. Il problema è che il sito non è organizzato in modo particolarmente intuitivo: ci sono diverse vie di accesso ai diversi servizi senza seguire sempre un ordine logico. Sul fondo della home page, per esmpio, sono messi in risalto alcuni argomenti di particolare interesse, come la richiesta di invalidità online o la pec (posta elettronica certificata), ma cliccando su queste icone l'utente viene dirottato sulla sezione dell'Inps che illustra in via teorica la procedura, ma non rimanda alla pagina diretta di richiesta, alla quale si arriva tramite i servizi al cittadino.


Stampa Invia