News

Lavorare da casa col telelavoro

01 settembre 2010
Lavorare da casa col telelavoro

01 settembre 2010

L’informatica rende meno essenziale essere presenti in azienda. Ma perché in Italia il lavoro a distanza non decolla? Lo abbiamo chiesto a chi ci ha creduto.

Italia, fanalino di coda
Un rapporto sulle condizioni di lavoro in Europa fa il punto sull'incidenza del telelavoro nei 27 Stati membri dell'Unione più la Norvegia. I dati, riferiti al 2005, compongono un quadro eloquente. Repubblica Ceca, Danimarca, Belgio, Lettonia e Olanda guidano saldamente la classifica superando il 12% di lavoratori che telelavorano per almeno un quarto del loro tempo. L'Italia è in fondo alla classifica con il 2,3%, seguita solo da Portogallo, Bulgaria e Malta, e ampiamente al di sotto della media europea che si assesta sul 7%.

Vari tipi di telelavoro
Il lavoro al di fuori dei locali dell'azienda può avvenire in molti modi. Ecco i più frequenti.

  • Telelavoro domiciliare. La persona svolge il proprio lavoro esclusivamente da casa propria con gli strumenti forniti dall'azienda.
  • Telelavoro mobile. Con un pc portatile e un cellulare si può lavorare da qualsiasi luogo, anche in viaggio.
  • Telelavoro da telecentro. I dipendenti di diverse aziende che si sono consorziate lavorano in una sede comune, più vicina al luogo di residenza. È la tipologia meno diffusa delle tre.

Stampa Invia