Consigli

Cerchi un prestito? Come evitare fregature

22 aprile 2016

22 aprile 2016

Sei alla ricerca di un prestito? Magari hai pagato in ritardo qualche rata in passato e hai difficoltà a trovare offerte in banca? Ci sono finanziarie e mediatori disponibili a fare credito anche a persone meno affidabili. Ma occhio alle fregature.

In questi tempi di crisi, sono in molti a dover ricorrere a un “aiuto” economico per far quadrare i conti. Tuttavia scegliere a chi rivolgersi e quanto chiedere per un prestito non è sempre semplice. Per avere le idee più chiare puoi utilizzare il nostro servizio online che mette a confronto i principali prodotti presenti sul mercato e ti aiuta a trovare quello più conveniente.

 

CONFRONTA I TASSI


Tuttavia, soprattutto se in passato hai saltato qualche rata o sei ritenuto dalle banche un creditore poco affidabile, potresti avere difficoltà a trovare offerte presso i più comuni istituti di credito. In questo caso, sappi che esistono sul mercato mediatori e finanziarie un po’ più disposte a prestare soldi anche a chi non ha proprio tutti i requisiti di affidabilità richiesti di solito dalle banche. Si tratta però di un mondo che può nascondere anche delle insidie e a volte delle vere e proprie fregature. Come riconoscerle, allora, e come fare la scelta giusta?

Alcuni consigli per non sbagliare

  • Prima di affidarti a qualsiasi operatore di mercato verifica che sia iscritto nel registro dei mediatori creditizi o degli agenti in attività finanziaria. Puoi consultare i due elenchi sul sito www.organismo-am.it. Oppure negli elenchi su www.bancaditalia.it (sezione vigilanza) dove si trovano le banche e le finanziarie.
  • Ricordati che anche presso una finanziaria o un intermediario è tuo diritto accedere ai documenti informativi prima della conclusione del finanziamento. Dunque chiedi sempre il SECCI (modulo informativo europeo) e il contratto. Leggili attentamente perché nessuna spesa ti potrà essere applicata se non risulta per iscritto nella documentazione.
  • Un mediatore o un agente in attività finanziaria spesso si fa pagare le commissioni per la sua attività di mediazione o consulenza. Il compenso deve essere però trattato e comunicato al cliente prima della conclusione del contratto e deve dunque risultare anch’esso per iscritto.
  • Cerca di evitare il più possibile gli operatori che ti chiedono in anticipo, prima dell’erogazione del finanziamento, un compenso. In alcuni casi, infatti, può essere previsto anche che la spesa rimanga all’intermediario anche se non ha erogato il prestito. E qui scatta la possibilità di truffa. Ci viene infatti segnalato che in alcuni casi viene subito fatta pagare la commissione anche se in realtà il mediatore sa per certo che il prestito non verrà mai erogato.  In questi casi ci troviamo di fronte a un comportamento scorretto e illecito che può essere segnalato ad Antitrust e Banca d’Italia.
  • Attenzione anche al Taeg. In genere questi prestiti proprio per la presenza della commissione dell’intermediario hanno dei Taeg più alti di quelli erogati in banca o presso una finanziaria. Con il nostro calcolatore puoi verificare se il tuo tasso è usuario.



Stampa Invia