News

Strizza il mutuo di Bpm, conviene?

18 aprile 2013

18 aprile 2013

In un momento in cui le banche non fanno credito, Bpm propone un mutuo che può arrivare a finanziare fino all’80% del valore di perizia della casa. Uno spiraglio interessante nella crisi che stiamo vivendo. Confrontalo con i mutui più convenienti e verificate con il nostro servizio online se il Taeg (il tasso finale del mutuo) è conveniente.

Banca popolare di Milano, in un momento di grande stretta creditizia, punta sui mutui e lancia online un’offerta interessante: “Strizza il mutuo”, limitata alle richieste di finanziamento fatte entro il 28 giugno 2013 e per quelli concessi entro il 30 settembre 2013. In pratica la banca taglia il suo guadagno (lo spread) e soprattutto dice anche chiaramente di poter erogare fino all’80% del valore di perizia della casa.

Confrontalo con i mutui più convenienti

Tra le offerte più convenienti sul mercato
Abbiamo fatto qualche conto confrontando l’offerta con le altre sul mercato per un mutuo di 100.000 euro durata 20 anni per acquistare un’abitazione principale del valore di 125.000 euro (dunque mutuo all’80%). Il parametro di indicizzazione è l’euribor 3 mesi base 360 media del mese precedente e dunque a oggi quello del mese di marzo 2013, cioè lo 0,25% (media arrotondata ai 5 centesimi superiori). Considerando che la rata del mutuo non può superare un terzo del reddito mensile, per essere sostenibile e quindi superare l’istruttoria della banca, lo stipendio dovrebbe essere di circa 1.700 euro.

  • Ci sono poi le spese da sostenere. Per l’incasso della rata del mutuo, la banca si tiene 2 euro ogni volta. L’istruttoria costa 400 euro e la perizia per immobili fino a 150.000 euro di valore costa 252,08 euro. Bisogna poi aggiungere il costo della polizza casa. Non è obbligatorio comprare quella della banca, se lo fate costa nel nostro caso 68,75 euro l’anno (per un valore della casa di 125.000 euro).
  • Si deve pagare anche l’imposta sostitutiva sul capitale del mutuo: in caso di abitazione principale ammonta allo 0,25% e dunque a 250 euro (per un mutuo di 100.000 euro). La polizza vita risulta facoltativa, quindi potete non stipularla, e non è necessario aprire un conto corrente o essere già correntisti di Bpm.
  • Abbiamo calcolato il Taeg (il tasso finale comprensivo di tutte le spese). Possiamo dire che l’offerta di Bpm è competitiva anche se non è la più conveniente sul mercato, seguendo la regola secondo cui la rata non può superare un terzo del reddito mensile, possiamo dire che per superare l’istruttoria il vostro stipendio dovrebbe essere nel nostro esempio poco inferiore ai 1700 euro.
  • Nel nostro caso il Taeg con tutte le spese incluse (anche polizza casa) ammonta al 3,45%. L’offerta Bpm non è la più conveniente, ma si colloca al quarto posto dopo Iwbank 3,29%, CheBanca! 3,32% e Webank 3,43%.

Ogni volta che chiedi un mutuo ricordati di calcolare il Taerg, cioè il tasso finale comprensivo di tutte le spese per il mutuo che vi serve. Solo così potrai confrontarlo e scegliere il più conveniente.


Stampa Invia