News

Trasparenza delle banche Bankitalia deve rivedere il sistema dei controlli

16 luglio 2009

16 luglio 2009

Quattro agenzie su dieci non mettono a disposizione del pubblico i foglietti informativi: Via Nazionale risponde alla nostra denuncia.

Bankitalia prende atto della nostra segnalazione, ma non va oltre, ricordandoci la sua intensa attività di vigilanza che include i controlli sulla trasparenza delle banche. Una risposta deludente alla nostra denuncia della grave mancanza di trasparenza emersa dalla nostra indagine in 122 agenzie bancarie di sei città italiane (Bari, Bologna, Milano, Napoli, Roma e Torino): in quattro sportelli su dieci non abbiamo trovato traccia dei foglietti informativi che riassumono le condizioni economiche dei prodotti bancari.

La risposta della nostra banca centrale fa riflettere: se le sue ispezioni non hanno evidenziato problemi sotto questo profilo mentre la nostra indagine sì, forse qualcosa non va nelle verifiche. Abbiamo visitato le agenzie sbagliate (che scegliamo, ricordiamolo, del tutto casualmente)? Il motivo è un altro: le ispezioni di Bankitalia sono fatte dietro allo sportello delle banche non davanti mettendosi nei panni del cliente. Quindi, i foglietti informativi li trovano (magari, chiusi in qualche cassetto), peccato che non siano accessibili al pubblico e siano spesso sostituiti da succinti depliant pubblicitari senza le informazioni necessarie su spese e costi. In questo modo la legge è rispettata, ma solo formalmente e nella sostanza il cliente non riceve le informazioni che gli consentono di risparmiare perché può confrontare le offerte sul mercato.

Nella lettera, Bankitalia si premura di segnalarci che entro la fine di luglio saranno emanate una serie di disposizioni che obbligano i consulenti bancari a utilizzare i foglietti informativi per illustrare il prodotto al cliente. Peccato che questo non risolva il problema del controllo dell'effettivo rispetto delle regole. Si dovranno trovare nuovi sistemi di ispezione che prevedano anche inchieste sul campo coinvolgendo anche la clientela delle agenzie bancarie.


Stampa Invia