Speciali

Scegliere il mutuo

25 aprile 2016

25 aprile 2016

Hai bisogno di un mutuo? Usa il calcolatore per trovare il meno caro. Il tasso fisso ti permette di avere una rata costante e sempre uguale per tutta la durata del mutuo, il tasso variabile, invece, cambia nel corso del piano di ammortamento.

Guida alla scelta del mutuo

Devi scegliere il mutuo più adatto alle tue esigenze? Non accontentarti dell’offerta della banca in cui hai il conto corrente, ma confronta più offerte e dedica un po’ di tempo nel fare preventivi online. 

Oppure, consulta il nostro calcolatore. Ti aiutiamo a trovare il mutuo più conveniente per te.


MUTUI: TROVA IL PIU' CONVENIENTE


Quando hai individuato le offerte di mutuo più convenienti, vai in banca e chiedi il modulo Esis che contiene le condizioni e il costo del finanziamento. Con gli Esis dei vari istituti di credito è più semplice fare un confronto.

Occhio al Taeg, il vero costo del mutuo

Per confrontare le offerte sul mercato basati sempre sul Taeg, cioè il Tasso annuo effettivo globale, che è il costo reale del mutuo perché include il Tan (Tasso annuo nominale) e tutte le spese (perizia, istruttoria, incasso rata, assicurazioni obbligatorie, imposte...). Lo trovi sull’Esis, il modulo standardizzato europeo che ti deve dare la banca.

Tasso fisso o variabile?

Con il tasso fisso la rata è uguale per tutta la durata del mutuo, ma se i tassi di mercato calano non puoi approfittarne. Il tasso variabile, invece, segue il mercato e può essere rischioso quando i tassi aumentano. Un buon compromesso è il mutuo variabile con Cap: la rata fluttua, ma il tasso di interesse non può mai superare una certa soglia. Se questa ha un valore simile ai tassi fissi di mercato, la scelta è conveniente.


Stampa Invia