Come testiamo

Cibo per gatti: come testiamo


In base a cosa scegliere? Le immagini in etichetta, la nomea di una marca o i claim che vantano innumerevoli benefici per la salute del gatto? Per cercare di rispondere a queste domande abbiamo portato i principali prodotti in vendita in laboratorio per verificare laqualità dell’offerta e fornire delle chiare indicazioni per la scelta. Inoltre abbiamo valutato le informazioni obbligatorie in etichetta e calcolato i costi per razione giornaliera.

Analisi di laboratorio

Abbiamo eseguito diverse analisi al fine di potere valutare qualitativamente i mangimi, non solo dal punto di vista nutrizionale, ma anche sotto il profilo della materia prima utilizzata.

Tutti i risultati delle analisi svolte sono stati convertiti sulla “sostanza secca” in modo tale da poter comparare tra loro tutti i prodotti, a prescindere dal contenuto di acqua presente nel prodotto finito.

Tra le analisi eseguite figurano: chilocalorie per 100 grammi di prodotto, proteine digeribili (ovvero quelle realmente a disposizione dell’animale), amminoacidi (taurina, metionina, lisina), grassi (ingredienti costosi e molto importanti nell’alimentazione del gatto perché forniscono acidi grassi essenziali per il corretto mantenimento dell'organismo), vitamine A e E, sali minerali (calcio, fosforo, zinco, magnesio).

I parametri analizzati sono molti e al fine di rendere fruibili le informazioni raccolte per comunicare in maniera più semplici i risultati complessivi, abbiamo raggruppato tutti i fattori considerati per rispondere a tre quesiti principali:

  • l’alimento soddisfa i fabbisogni del gatto?
  • com’è la qualità della materia prima usata?
  • dall’alimento posso derivare dei benefici funzionali?

Etichetta

Abbiamo verificato la presenza delle informazioni obbligatorie previste dal regolamento europeo n.767/2009 e di alcune informazioni facoltative che possono essere utili per l’acquirente, come ad esempio l’indicazione di lasciare sempre dell’acqua fresca a disposizione del gatto. Le etichette dei prodotti del test appaiono conformi alle disposizioni di legge, ma nonostante ciò riteniamo che queste siano poco trasparenti in misura tale da poter indurre in errore l’acquirente “meno esperto” che si lascia guidare da denominazioni di vendita esplicite (ad es. bocconcini con pollo fresco), immagini di ingredienti pregiati e claims.

Costo per razione giornaliera

Ogni prodotto è diverso per composizione e di conseguenza anche le chilocalorie fornite sono diverse. Al contrario di quanto si possa pensare maggiore è la “densità calorica” meglio è, poiché il gatto è alimentato più correttamente e la spesa si abbassa. I gatti, infatti, sono in grado di autoregolarsi circa l’introito calorico se il fabbisogno in proteine viene correttamente soddisfatto. In pratica il gatto mangerà meno se viene nutrito con cibi energetici (ovvero con altà densità calorica) e che forniscono adeguati quantitativi di proteine. Date queste differenze, abbiamo calcolato il Migliore Acquisto sulla base del prezzo per razione giornaliera: si riferisce al costo per la quantità di prodotto necessaria per nutrire adeguatamente un gatto sano di circa 5kg, in funzione dell’energia (kcal) fornita da ciascun prodotto. Indicativamente, più questa quantità è bassa, minore è la spesa per il padrone.